“Bella e democratica, Caltanissetta che osa”. Il programma della due giorni del PD al Testasecca

401

“Bella e democratica, Caltanissetta che osa”. Si intitola così la manifestaizone promossa dal PD di caltanissetta e dai giovani democratici della provincia per i giorni 21 e 22 dicembre. L’iniziativa si svolgerà nei locali dell’Istituto Testasecca ed avrà inizio sabato 21 dicembre alle ore 9:30.

Parteciperà ai lavori un nutrito gruppo di relatori espressione del mondo accademico, associativo, sindacale, imprenditoriale, delle professioni, della politica e della pubblica amministrazione.

“Ci fa piacere segnalare la presenza di accademici di primo piano, quali i docenti Di Maria e Sabatino, oltre che la ricercatrice Giusy Pappalardo e di imprenditori e professionisti quali Andrea Bartoli e Gianfranco Pappalardo, di sindacalisti e rappresentanti dell’associazionismo come Ignazio Giudice, Ivo Cigna e Peppe Montemagno”, scrivono i coordinatori dell’iniziativa. “Non mancheranno amministratori locali e dirigenti del PD come Giusto Catania, Elisa Carbone e Peppe Di Cristina”.

Un momento particolarmente importante sarà dedicato alle giovani generazioni, con le testimonianze di ragazze e ragazzi particolarmente impegnati nell’associazionismo cittadino a partire da Eros Di Prima e Giulio Scarantino.

“La nostra iniziativa acquista ancora più rilevanza in considerazione delle recenti notizie, stando alle quali la provincia di Caltanissetta si troverebbe agli ultimi posti nelle graduatorie nazionali sulla qualità della vita. Noi non intendiamo arrenderci a questa condizione né vogliamo viverla come un destino ineluttabile. Siamo fermamente intenzionati a dare battaglia per offrire a questo territorio una prospettiva di crescita e di futuro e lo faremo mettendo in campo le idee e le persone migliori proponendo un nuovo modo di intendere la politica. L’iniziativa del 21 ed il 22 dicembre, un vero festival della buona politica, sarà l’inizio di questo percorso”.

Ad introdurre i lavori alle 9,30 del sabato sarà Carlo Vaginelli (nella foto in copertina)

Leggi qui il programma

 

Commenta su Facebook