"Battaglia dura a fianco dei precari". Crocetta insedia "Unità di crisi"

532

Precari ex AsuIl presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, insedia un’unita’ di crisi sulla vicenda della stabilizzazione dei precari degli Enti locali dopo che alla Camera e’ passato un emendamento che rende piu’ stretti i margini di manovra in Sicilia. E martedi’ 5 novembre parlera’ della vicenda con il premier Letta e con il ministro della Pubblica amministrazione, D’Alia. Lo dice all’AGI lo stesso Crocetta, al termine dell’incontro con i sindacati questo pomeriggio a Palazzo d’Orleans. “L’incontro e’ andato molto bene, il governo regionale e’ sulle stesse posizioni che hanno i sindacati. Siamo convinti che la legge per come e’ passata alla Camera rende quasi impossibile le proroghe per i precari siciliani e allontana definitivamente la possibilita’ di stabilizzazione”, afferma Crocetta. “Ho gia’ preso appuntamento con il presidente del Consiglio Letta, che incontrero’ giorno 5, assieme al sindaco di Lampedusa Nicolini, per le questioni che riguardano l’emergenza migranti.

Ma in quell’occasione vorrei far inserire le altre emergenze della Sicilia legate al patto di stabilita’, ma anche legate al lavoro e al precariato”, aggiunge il governatore che specifica: “Per mercoledi’ ho convocato un incontro anche con il ministro D’Alia -prosegue Crocetta- a cui parteciperanno altri ministri siciliani e chiedero’ che prenda parte una delegazione sindacale e del parlamento siciliano”. Crocetta chiarisce poi che da stasera e’ stato istituito un tavolo di crisi regionale, cui partecipa oltre alla Presidenza, l’assessorato alla Funzione pubblica, al Lavoro, l’Anci e rappresentanze sindacali. “Gia’ lunedi’ -assicura il presidente- si riunira’ per affrontare le prime emergenze in modo tale da presentare al governo nazionale delle proposte concrete. La mia idea e’ una proposta di legge, un emendamento da inserire nel decreto sulla stabilita’, che possa correggere gli errori che sono stati fatti nel testo approvato. Noi faremo una battaglia dura, saremo al fianco dei precari e vogliamo assolutamente riaprire questa partita. E’ improponibile -conclude Crocetta- che da un lato non si possa piu’ assumere, e dall’altro si debba licenziare: sinceramente e’ troppo per la Sicilia”.

Commenta su Facebook