“Basta vessare i cittadini”. Il monito del Vescovo alla politica. “Non cedere alla rassegnazione”

1533

IMG_6924“Basta vessare i poveri, non bisogna chiedere ulteriori sacrifici ai cittadini. Nessuno ci può espropriare della dignità e in questo momento San Michele incarna la figura del condottiero. Non bisogna cedere alla rassegnazione e alla disfatta, qui è in gioco la fondazione della nostra Repubblica”.

Con queste parole il Vescovo Monsignor Mario Russotto ha celebrato l’omelia durante la messa per il Patrono San Michele in una Cattedrale affollata di politici, autorità, rappresentanti istituzionali. Tra gli altri il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, i parlamentari regionali Giancarlo Cancelleri e Gianluca Miccichè, i parlamentari nazionali Azzurra Cancelleri e Alessandro Pagano. Numerosi consiglieri comunali, il sindaco Giovanni Ruvolo, il vicesindaco Marina Castiglione. I magistrati Giovanbtattista Tona, Antonino Porracciolo, Gabriella Tomai, il Prefetto Carmine Valente.

Dietro alle autorità una distesa enorme di cittadini che affollavano la Cattedrale. Il Vescovo ha ricordato ai presenti le iniziative all’interno della IMG_6915Diocesi per i più poveri, per le fasce deboli. Il microcredito, la Caritas, l’accoglienza e le soluzioni all’emergenza abitativa in diversi quartieri.

Fabio e Giuseppe Botta dell’ass. S.Michele Arcangelo

 

Commenta su Facebook