Basket, U13. Airam-Novarobur domina a Gela

860

Senza rivali la marcia dell’AIRAM – NOVA ROBUR nel campionato U/13 provinciale di basket, cinque gare e cinque vittorie consecutive per i terribili ragazzi nisseni, che guidano la classifica a pari punti con la Fortitudo Agrigento.
Vittima di turno la Villa Garibaldi Gela che nulla ha potuto contro la squadra nissena che al Pala Itis di Gela ha sfoderato la migliore prestazione dell’anno , infliggendo una sonora sconfitta ai ragazzi di coach Mancuso, che hanno dovuto subire un passivo di 74 a 15.
In tutti e quattro i minitempi i ragazzi nisseni hanno dominato sia dal punto di vista difensivo che offensivo, il pressing asfissiante a tutto campo non ha dato scampo agli avversari, che non hanno avuto la possibilità di costruire delle azioni degne di nota ed hanno dovuto subire i veloci attacchi della squadra guidata da coach Settimo Arcarisi.
Da sottolineare la prestazione maiuscola di Luigi Palascino che oltre a svolgere un grande lavoro difensivo è stato molto efficace in attacco con due bombe da tre e 14 punti personali al suo attivo, ormai una costante Gabriele Pernaci che grazie alle sue doti tecniche ed atletiche difficilmente sbaglia una partita.
Soddisfatto a fine partita Coach Settimo Arcarisi: “Finalmente abbiamo giocato una pallacanestro veloce ed aggressiva come piace a me, il lavoro svolto in palestra sta iniziando a dare i suoi frutti, i ragazzi stanno migliorando nel gioco squadra , quando le buone individualità sono a servizio del collettivo i risultati sono ottimi, noi abbiamo un buon gruppo abbastanza completo e riusciamo a sopperire alla mancanza di lunghi, grazie alla rapidità che riusciamo ad imprimere al gioco offensivo ed alla forte pressione che diamo agli avversari in ogni parte del campo ora speriamo che questa partita ci dia energia, oggi sembravamo più belli del solito!”
AIRAM-NOVAROBUR: Giambri 2; Palascino 14; Galiano 6; Arcarisi 3; Pernaci 10; Grosso 7; Basile; Nugara 12; Dibilio 6; Bonsignore 3; Di Forti; Giorgio 11;
NELLA FOTO : Palascino Luigi e Arcarisi Biagio.

Commenta su Facebook