Barriere architettoniche "dimenticate". Aiello (Forza Italia) ne chiede la rimozione

475

Anni fa, per consentire l’esecuzione di alcuni lavori, era stato costruito lungo la scalinata di via Gioberti uno scivolo in muratura, che da Corso Umberto sale verso l’ex cinema Bellini. Scivolo che ha però ridotto la scala di oltre il 70%, creando grandissimi disagi e diventando pericoloso intralcio, ricettacolo peraltro di rifiuti vari. Tra i residenti della zona si annoverano infatti disabili motori al 100% che, essendo costretti a fare delle acrobazie per poter entrare ed uscire da casa, si sono rivolti al Consigliere Comunale Oscar Aiello di Forza Italia che ha presentato un’Interrogazione consiliare per chiedere l’immediata rimozione di quelle barriere architettoniche.

“Quei lavori, per i quali era stata creata quella temporanea barriera architettonica – dichiarano alcuni residenti della via Gioberti – sono ormai fermi da anni, per cui nulla giustifica il permanere di tale intralcio”. L’abbattimento delle barriere architettoniche è un obbligo di legge per gli Enti locali, infatti in passato il Comune di Roma è stato condannato per atti discriminatori verso i disabili per un caso simile. “E’ inderogabile – afferma Aiello – l’immediato abbattimento di tale incresciosa barriera architettonica che di fatto impedisce ai soggetti diversamente abili di muoversi e di accedere liberamente all’interno della propria abitazione”.

Commenta su Facebook