Baratto amministrativo, patto con i cittadini per sgravare i tributi locali. Esitato dalla V commissione

805

Baratto Amministrativo, un patto con i cittadini: la V Commissione Consiliare predispone il regolamento per sgravare le famiglie in difficoltà dal pagamento dei tributi locali

Nella seduta di ieri la V Commissione Consiliare, presieduta dal consigliere Francesco Dolce e composta dai consiglieri Gianluca Bruzzaniti (vice presidente), Alessandro Maira, Guido Del Popolo, Lorenzo La Rocca, Oriana Mannella e Manuela Margherita, dopo un attento e minuzioso studio della normativa, con la fattiva collaborazione del dirigente dei Servizi Finanziari, Claudio Bennardo, ha approvato all’unanimità il regolamento sul Baratto Amministrativo.

“Uno strumento alternativo – dicono – che consentirà a tutti quei cittadini che non riescono a far fronte al pagamento dei tributi comunali di ottenere delle riduzioni o esenzioni nei pagamenti a fronte della prestazione di ore di lavoro in favore della comunità”.

Imu, Tares, per citarne alcune, solo alcuni dei tributi che ogni anno i cittadini sono chiamati a pagare, ma che spesso rappresentano un vero e proprio onere a cui molti non possono far fronte.

“Pensionati sociali, famiglie di disoccupati, cittadini che vivono nella fascia tra indigenza e povertà, si trovano oggi troppo spesso davanti ad un bivio: o pagano i tributi rinunciando alla frugalità del quotidiano, o saltano il fosso per arruolarsi nell’esercito degli evasori fiscali”.

“Esiste però un’alternativa e si chiama Baratto Amministrativo, una forma di giustizia sociale che potrà sgravare le famiglie in difficoltà dal problema del pagamento dei tributi locali”.

“Si tratta di una idea semplice ed innovativa che permetterà ai cittadini impossibilitati a pagare uno o più tributi comunali, di “barattare” l’imposta con equivalenti servizi di riqualificazione del territorio che potranno riguardare pulizia, manutenzione, abbellimento di aree verdi, piazze, strade ed in generale la valorizzazione di determinate aree comunali”.

La proposta, il regolamento e lo schema di domanda per l’accesso al beneficio è stata già redatta ed approvata in V Commissione e, superati i passaggi burocratici di rito, sarà valutata dal Consiglio Comunale per la definitiva approvazione.

“Con fiducia – concludono i consiglieri della V commissione –  riteniamo quindi che in tempi strettissimi anche Caltanissetta potrà godere di questo importante strumento sociale”.

 

Commenta su Facebook