Banca Sicana, convegno sul microcredito alle imprese. “La BCE  ha remato contro le piccole imprese per favorire i grandi Gruppi”

1149
Si è svolto ieri, 24 giugno, nella sala “Gino Morici” della Banca Sicana, già Banca di Credito Cooperativo del Nisseno, un convegno organizzato dallo stesso Istituto di credito, dalla Cassa Centrale Banca, e dalla Regione Siciliana, sul tema “Microcredito alle imprese”.

Intervista al Presidente della Banca Sicana, Giuseppe di Forti

L’Assessore regionale Gaetano Armao in videoconferenza

Assente l’assessore regionale all’Economia Gaetano Armao, che è intervenuto in videoconferenza,  il sindaco Roberto Gambino impegnato in altro convegno, la prof.ssa Giovanna Candura impegnata con gli esami di maturità, il dott. Giorgio Fracalossi presidente del Gruppo Centrale Banca, Salvatore Saporito presidente della Federazione Siciliana Banche di Credito Cooperativo.

Presenti, il vice sindaco Grazia Giammusso Valdesi assessore allo Sviluppo Economico, Luciana Camizzi assessore al Bilancio, il direttore generale dell’Assessorato regionale  all’Economia  Grazia Cannata e l’avv. Antonio Campione Consigliere giuridico dell’Assessore Armao oltre, naturalmente, il padrone di casa prof. Giuseppe Di Forti, presidente della Banca Sicana.

L’intervento dell’Assessore allo Sviluppo Economico Grazia Giammusso Valdesi

Il prof. Giuseppe Di Forti presidente della Banca Sicana

“Oggi noi vogliamo parlare di Economia e Finanza regionale per il nostro territorio – ha detto il presidente della Banca Sicana Giuseppe Di Forti al folto pubblico di operatori economici – e lo facciamo d’intesa con la Regione. La banche di credito cooperative, dal 2019, sono confluite in virtù di una riforma epocale in due capogruppo di livello nazionale, perché una legge ci ha obbligati a fare questo. Quindi, una piccola banca di Credito Cooperativo viene toccata direttamente da normative di livello europeo.

Questa normativa – ha aggiunto –   è anche, in astratto, un’opportunità in quanto ha voluto fortificare il mondo del credito cooperativo, renderlo solidale rispetto al mercato. Quindi non c’è dubbio che 260 Banche di Credito Cooperativo, oggi riunite in due capogruppo con un accordo di solidarietà a rete, rappresentano una forza tant’è che rappresentano rispettivamente il 3° e il 5° Gruppo Bancario Italiano ma soprattutto abbiamo un contratto di coesione tra di noi che garantisce la solidità di ognuna delle 260 banche. Praticamente è stato azzerato il rischio di default di una banca”.

Dopo l’articolata introduzione del presidente della Banca Sicana, Giuseppe di Forti, ha preso la parola l’Assessore allo Sviluppo Economico Grazia Giammusso Valdesi.

“Avendo la delega allo Sviluppo Economico  – ha detto l’Assessore nel portare i saluti del

L’Assessore Grazia Giammusso Valdesi

sindaco – ero particolarmente interessata  a partecipare a questo convegno. È fondamentale – ha aggiunto – che ci sia una volta per tutte una buona sinergia tra le varie forze istituzionali “

“Noi, questa sera, dobbiamo parlare di microcredito alle imprese – ha sottolineato  il moderatore avv. Antonio Campione – e ne dobbiamo parlare in un’ottica nuova, un’ottica di cooperazione tra tutte le forze sociali, politiche ed economiche e dobbiamo ragionare in termini puramente territoriali. Caltanissetta è, purtroppo, una realtà molto sfavorita da alcuni elementi ma è anche favorita dalla presenza di altri elementi tra cui, certamente, la centralità.

Intervista all’avv. Antonio Campione Consigliere Giuridico dell’Assessore Armao

L’avv. Antonio Campione

Ora, sulla base di questi dati – ha continuato Campione –  noi dobbiamo cercare, come ha anche detto l’Assessore Giammusso,  di sviluppare una sinergia tra tutte le forze che possono concorrere allo sviluppo del nostro territorio perché abbiamo davanti a noi degli anni importanti. È venuto il momento di cambiare – ha aggiunto –   perché la legislazione italiana e quella europea hanno remato contro le piccole e medie imprese”.

Prendendo la parola, la d.ssa Benedetta Grazia Cannata, direttore generale dell’assessorato regionale all’Economia, ha scusato l’assenza dell’Assessore Armao dicendo che, però, avrebbe fatto un breve intervento in video conferenza.

Intervista al Direttore Generale dell’Assessorato all’Economia, Grazia Cannata

La d.ssa Grazia Cannata

“Mi collego a quanto diceva il presidente per dire che questa riforma delle banche di credito Cooperativo, ha colto un po’ di sorpresa la Regione Siciliana nel senso che la Regione si è trovata a non potere far nulla a fronte di una lesione delle proprie prerogative statutarie. La Regione ha una competenza concorrente in materia di credito, ha le proprie norme di attuazione che prevedono una certa vigilanza sulle banche territoriali e su quelle che hanno carattere regionale”.

Noi, che viviamo sul territorio e che ben conosciamo le difficoltà delle nostre imprese, auspichiamo che alle parole seguano i fatti perché con le sole parole non si è mai costruito niente.

 

 

 

Commenta su Facebook