Avviso ai naviganti del Sindaco Ruvolo: “Non mi piegherò per difendere la poltrona mia e di nessun altro”

980

Con un “avviso ai naviganti” il sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo avverte i partner della coalizione: “non mi piegherò, costi quel che costi a tradire il mandato elettorale per difendere la poltrona di questo o quello, fosse anche la mia”.

“Ho appreso che stanotte in una convulsa riunione, il consiglio comunale ha adottato un piano triennale per le opere pubbliche del tutto diverso da quello che avevamo proposto e che pure era stato preventivamente condiviso. E’ nella piena legittimità del consiglio, ovviamente, determinarsi come meglio crede nell’ambito delle proprie prerogative. Dai toni che mi sono stati riferiti, però, mi è sembrato di cogliere una sorta di messaggio politico all’Amministrazione e al Sindaco. Mi rifiuto credere, tuttavia, che la scelta di votare un documento di programmazione sia stata dettata da una sorta di regolamento di conti politico che ricondurrebbe tutti a un passato che Caltanissetta (se ne facciano una ragione tutti) si è messo irreversibilmente alle spalle”.

Lo afferma il sindaco Giovanni Ruvolo in un lungo post su facebook in cui chiarisce la sua posizione a seguito delle convulse ore in cui il consiglio comunale ha approvato il piano triennale delle opere pubbliche dello scorso anno, con un emendamento che di fatto ha cancellato il piano triennale dell’amministrazione attuale.

Il sindaco Ruvolo chiarisce la separazione tra le responsabilità della giunta e quelle del consiglio. I due organi si assumono ognuno le proprie responsabilità e verso il consiglio comunale Ruvolo sottolinea “massimo rispetto per l’istituzione”. Ma chi confonde i due piani di responsabilità, tra governo e indirizzo, “arriva a conclusioni senza senso, commette un atto sleale e irresponsabile”, afferma il sindaco. 
Il sindaco ribadisce il patto con “forze politiche, organizzazioni sociali e semplici cittadini per avviare nell’arco di un quinquennio un cambiamento radicale che sarà irto di ostacoli, superabili solo lavorando insieme, con tenacia e determinazione nella stessa direzione che deve essere sempre il Bene Comune”.

Quindi un “Avviso ai naviganti”: “non mi piegherò, costi quel che costi, a tradire il mandato elettorale con scelte che nel merito contraddicono il programma elettorale o per difendere la poltrona o la rendita di posizione di questo o quello, fosse anche la mia”. 
”Tanti appuntamenti nelle prossime settimane ci attendono: da domani la Vara della Settimana Santa sarà esposta all’Expo a Milano. Anche per centrare quest’obiettivo abbiamo dovuto superare tanti ostacoli, alcuni dei quali veramente impensabili. Il 28 sarò a Milano per spiegare il significato della nostra Festa più grande all’Expo 2015. E lì mostreremo il volto e la storia di una Città coraggiosa e determinata, con secoli di tradizione e un grande futuro di progresso”.

Commenta su Facebook