Autore di quattordici omicidi. Arrestato “stiddaro” latitante in Belgio

1590

Giovedì mattina a Liegi, la Polizia Belga, su segnalazione della Squadra Mobile di Caltanissetta, ha tratto in arresto, dopo sette mesi di latitanza, Gaetano Trainito, conosciuto come “Tano occhio di vetro”, niscemese classe ’63, pericoloso esponente di spicco e killer della stidda di Niscemi. Trainito, già collaboratore di giustizia, doveva scontare 14 anni di pena residua per omicidio e altri reati. Il 9 settembre 2013, Trainito, sottoposto alla sorveglianza speciale, non veniva trovato nella sua casa di niscemi. Da allora, infatti, aveva iniziato la sua latitanza. Chiamato “occhio di vetro”, perchè privo dell’occhio sinistro, killer e organico al sodalizio della “stidda” del clan RUSSO di Niscemi, Trainito è stato uno dei sanguinosi protagonisti della guerra di mafia con Cosa nostra negli anni 90. In tale contesto, il GIP del Tribunale di Caltagirone, nel ’92 lo imputò di ben 14 omicidi e 7 tentati omicidi, mentre il Tribunale di Caltanissetta aveva applicato la misura di prevenzione antimafia della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno. Nel frattempo Trainito aveva collezionato condanne per traffico di stupefacenti. Giovedì è finita la sua seconda latitanza.

Commenta su Facebook