Autodemolitore abusivo alla zona industriale. La Polizia Stradale sequestra l'area

937

Uno “sfasciacarrozze” abusivo nei pressi della zona industriale di Caltanissetta è stato scoperto dai poliziotti della Stradale di Caltanissetta che si sono appostati fingendosi contadini per non dare nell’occhio e scoprire la reale natura di quell’attività sospetta.
La Polstrada diretta dal Vicequestore aggiunto, Maria Grazia Milli, ha posto i sigilli all’attività di B.G. Carrozziere nisseno di 59 anni che avrebbe avviato l’attività di autodemolizione di veicoli senza autorizzazioni.
L’area è stata sottoposta a sequestro preventivo da parte della Procura. Lì gli agenti hanno trovato auto smontate, pezzi di carrozzeria e parti meccaniche.
Diversi i reati che avrebbe infranto il 59enne perchè oltre alle mancate autorizzazioni ci sarebbe l’inquinamento ambientale da olii esausti, lo smaltimento delle parti meccaniche non utilizzabili.
Infine B.G., queste le iniziali del titolare, si sarebbe cacciato nei guai anche per aver esibito una patente di guida quale documento, ma con il rinnovo falso, rimediando una denuncia per falsità materiale.
C’è anche l’abuso edilizio che potrebbe essere contestato per una costruzione non autorizzata e altresì sarà valutata la provenienza dei veicoli. Per i proprietari di una vecchia auto, infatti, poteva magari essere più conveniente demolirla senza le procedure di legge che sono ovviamente più costose. Ma su tale aspetto si indaga.
Foto archivio

Commenta su Facebook