Auto contro ambulanza sulla statale 626, sale a tre il bilancio delle vittime. Morto anche l’autista soccorritore

Sono tre le vittime dello scontro tra un’auto e un’ambulanza sulla Statale 626 Caltanissetta-Gela, costato la vita al conducente del mezzo di soccorso, al paziente trasportato e a un automobilista, mentre un medico e un infermiere sono rimasti feriti. L’incidente è avvenuto giovedì pomeriggio intorno alle 17.30, all’altezza dello svincolo per Butera. Morti sul colpo l’autista dell’auto, Luigi Guarnaccia, 46 anni, di Catania, il paziente in ambulanza Francesco Cannìa, 76 anni, di Niscemi, l’autista soccorritore Tiziano Iudica 47 anni di Gela. Gravemente ferito l’infermiere Giuseppe Ragusa trasportato al Sant’Elia con vari traumi. L’ambulanza dell’Asp nissena stava tornando dal Sant’Elia di Caltanissetta dove il paziente era stato sottoposto a un intervento di emodinamica. Secondo quanto ricostruito dalla polizia stradale che ha sentito le testimonianze di un altro automobilista, la Nissan Juke ha invaso la corsia opposta scontrandosi contro l’ambulanza che si è ribaltata.

“Siamo amareggiati per quanto accaduto e vicini a tutte le famiglie delle persone che hanno perso la vita, il nostro autista, la persona che si trovava in ambulanza e l’altro automobilista. Non ci sono parole, è l’ennesima tragedia della strada di cui non vorremo mai leggere notizia”. Lo ha detto il direttore generale dell’Asp di Caltanissetta, Alessandro Caltagirone. Tiziano Iudica dopo tanti anni di precariato all’Asl come Lsu cinque anni addietro era stato stabilizzato a tempo indeterminato. Fu in quel momento che chiese di essere impiegato come autista di ambulanze anche per la sua passione dei motori coltivata dalla famiglia, proprietaria di un’autofficina.

Commenta su Facebook