Intimidazione al Procuratore Gozzo. Isolate linee comunicazione dispositivo di sicurezza

1036

Più che un tentativo di furto di rame ha tutta l’aria di essere un atto intimidatorio quello avvenuto nella giornata di mercoledì presso l’abitazione del procuratore aggiunto di Caltanissetta, Nico Gozzo. I cavi della linea che garantisce il collegamento diretto tra la Polizia e la casa del pm a Terrasini sono stati tranciati di netto e nessun filo di rame è stato rubato. Ad accorgersi del fatto sono stati gli agenti di scorta al pm, che si sta occupando del processo “Borsellino quater” sulla strage di via d’Amelio. Gozzo, non avrebbe informato nessuno del suo rientro a Terrasini.

Immediatamente sono scattate le misure di sicurezza e sul posto sono giunti, oltre agli agenti di Polizia di Stato, anche i carabinieri e gli uomini della Guardia di Finanza. Si è anche resa necessaria la presenza degli artificieri che hanno bonificato l’area. L’episodio contribuisce ad alzare ulteriormente lo stato d’allerta per quel che riguarda la sicurezza del pm.

FONTE: “Antimafiaduemila”

Commenta su Facebook