Atti vandalici negli spazi pubblici. Lettera aperta del sindaco di Caltanissetta

318

Questa sequenza di episodi che ha arrecato danni ai beni comuni dei giardini e delle ville della città è frutto di atti deliberati di persone che in modo vigliacco intendono offendere lo spazio pubblico.

La villa Amedeo è un luogo curato e fruibile. Il servizio giardini opera i lavori di manutenzione per mantenere dignitosi i luoghi che vengono frequentati da centinaia di famiglie nissene. Il danneggiamento di opere d’arte e dei giochi riservati ai bambini è qualcosa che offende tutti nel profondo.

Dispiace leggere gli interventi di qualche esponente politico che utilizza queste inqualificabili azioni, da denunciare con forza e condannare con fermezza, come argomento da campagna elettorale, con ciò dimostrando di non aver mai prestato attenzione alle numerose denunce che questa amministrazione ha fatto sulle gravi carenze di personale. Non è stato consentito all’amministrazione comunale di avviare nuovi concorsi per rimpinguare l’asfittico numero di dipendenti, soprattutto nelle categorie A e B che possono dare un contributo nella gestione delle ville. Una situazione che è destinata a peggiorare con l’introduzione di quota 100 che consentirà giustamente a molti di andare in pensione ma non permetterà al Comune di assumere personale. L’amministrazione comunale nonostante l’esiguità di risorse umane e i continui tagli di trasferimenti subiti, continua a fare la propria parte per ripristinare ciò che i vandali distruggono. Grazie alla collaborazione con le forze dell’ordine e la Polizia municipale prosegue l’azione di controllo che, sono certo, porterà a individuare gli autori di tali scempi.

Abbiamo sempre custodito le aree verdi grazie all’impiego di personale ausiliario come gli ex Rmi che riprenderanno il loro servizio nei prossimi giorni dopo una breve pausa non dovuta certo a decisioni del Comune di Caltanissetta. Gli uffici stanno predisponendo un’articolazione dei servizi che consentirà l’impiego dei lavoratori ex Rmi anche a rotazione con turni pomeridiani a cui si affiancheranno i lavoratori dei mini cantieri.

La custodia delle ville in tutti i paesi civili è affidata prima di tutto al rispetto che ogni cittadino nutre per il bene comune. E’ ciò che accade anche a Caltanissetta dove i fruitori delle ville e dei giardini sono i primi custodi dei beni pubblici. Gli atti vandalici sono altra cosa perché si tratta di episodi isolati messi in atto da poche persone.

Confido sul fatto che la maggioranza silenziosa dei cittadini nisseni ha sviluppato sensibilità e capacità critica rispetto a chi offende la dignità di un’intera comunità utilizzando queste bassezze. La manifestazione di domenica scorsa da parte di cittadini che hanno reagito al danneggiamento di opere d’arte alla villa Amedeo, sono certo sarà replicata da altre associazioni di volontariato che sapranno dimostrare l’attaccamento ai nostri spazi pubblici, contrastando così la miseria culturale di chi vorrebbe imporre a tutti un clima di insicurezza.

C’è chi è già in campagna elettorale e vorrebbe dimostrare che la città non è sicura. Le cose non stanno così, i beni pubblici sono aperti a tutti. Viverli e frequentarli permette quotidianamente di smascherare queste imposture.

foto: manifestazione di artisti e associazioni domenica 13 gennaio 2019 presso villa Amedeo

Commenta su Facebook