Asili nido e assistenza. Le cooperative regolarizzano il Durc, il Comune emette i mandati per gli stipendi

978

Sbloccate le somme destinate a pagare le cooperative che si occupano di assistenza disabili nelle scuole, Asili nido e assistenza domiciliare agli anziani per il Comune di Caltanissetta. Gli uffici della direzione politiche sociali e scuola hanno esitato il mandato di pagamento per gli stipendi del mese di maggio, dopo aver verificato che le cooperative affidatarie, Progetto Vita e Città del sole, venerdì scorso avevano regolarizzato il Durc, il documento unico di regolarità contributiva. A breve sarà esitato anche il mandato di Giugno. Le somme erano già a disposizione del Comune dopo un impegno di spesa del maggio scorso.

Per il pagamento delle future mensilità, a partire da luglio per i servizi che non si fermano in estate come l’assistenza agli anziani, e da settembre per gli altri, la direzione politiche sociali e scuola, guidata dal dirigente Giuseppe Intilla, ha provveduto all’impegno di spesa di 159 mila euro nell’ambito dell’affidamento del servizio alle cooperative Progetto Vita e Città del Sole, che ammonta complessivamente a 1 milione e 245 mila euro per un anno. L’Amministrazione ha impegnato la spesa “stante che il mancato pagamento può provocare decreti ingiuntivi”, e quindi un danno certo all’Ente, sulla base dell’articolo 163 comma 2° del Dlgs 267/2000.

La nuova gara per l’affidamento della durata triennale del servizio è in corso. Il servizio era stato affidato per il 2017 in proroga al raggruppamento aggiudicatario della gara per l’anno 2016, l’associazione di imprese Progetto Vita (capofila) e Città del Sole (mandataria), entrambe società cooperative. Nei giorni scorsi si sono registrate le proteste, con sit in al Comune ed in prefettura da parte delle operatrici per il pagamento di due mensilità di stipendio arretrate e altri emolumenti. Durante l’incontro al comune l’assessore Carlo Campione, aveva comunicato ai sindacati l’assenza del Durc, poi regolarizzato dall’Ati.

Commenta su Facebook