“Apri o ti ammazziamo”. Rapina alla Bcc Toniolo di Caltanissetta. Secondo colpo in pochi giorni

3713

Seconda rapina in banca in quattro giorni a Caltanissetta. I rapinatori questo pomeriggio intorno alle 15 hanno colpito in via Turati, nuovamente presso una banca di credito cooperativo. Questa volta presa di mira la banca Toniolo di San Cataldo, filiale di Caltanissetta via turati.
Non si conosce ancora l’importo del bottino, ma i rapinatori hanno arraffato banconote fino a riempire per metà un sacco della spazzatura. Insomma qualche migliaio di euro sicuramente.
Per primo è entrato un giovane dall’apparente età di 25 anni, molto ben vestito con una valigetta in mano. Si è seduto in attesa, chiedendo anche l’orario a un’altra cliente. Erano le 15,20 quando è entrato in filiale un altro bandito, con jeans e maglietta che una volta dentro è salito in piedi sul bancone delle casse, intimando ai presenti di rimanere fermi perchè era in corso una rapina. Armato di taglierino ha intimato al cassiere di consegnare il denaro e nel frattempo faceva irruzione un terzo complice, completamente travisato nel volto da una bandana e un cappello da pescatore. Quest’ultimo si è recato dal direttore, minacciandolo, perchè a suo parere erano troppo pochi i soldi consegnati.
Riempito il sacchetto con i soldi, si sono dati a precipitosa fuga, non prima di aver schiaffeggiato il cassiere che non voleva aprire la porta.
“Apri o ti ammazziamo”, gli hanno più volte urlato, spingendolo. I tre forse avevano un complice fuori ad attenderli in auto. Un’altra testimone, infatti, ha riferito che sono fuggiti a bordo di un’utilitaria.
Appare invece più probabile che possano essere gli stessi che hanno agito martedì scorso rapinando di mattina la banca di credito cooperativo San Michele di via Libertà. In quel caso i rapinatori avevano accento palermitano e volto scoperto ma leggermente travisato con occhiali scuri. Sul posto è arrivata la polizia scientifica per effettuare i rilievo mentre diverse pattuglie hanno avviato una ricerca dei sospetti.

Commenta su Facebook