Ancora maltempo in Sicilia: previsti nuovi temporali e bombe d’acqua

2602

San Giovannni porta una nuova ondata di maltempo sull’Italia: masse d’aria fredda scivolano dall’area Baltica verso l’Europa centrale, i Balcani e l’Italia Adriatica mentre fa molto più caldo nella Russia dei Mondiali 2018, dove le temperature oggi sono di oltre 10°C più alte rispetto a Puglia, Calabria e Sicilia! E nei prossimi giorni farà ancora più freddo: attenzione a Martedì 26 e Mercoledì 27 Giugno, quando le temperature minime crolleranno su valori inferiori ai +13/+14°C sulle coste del Sud, e le massime faranno addirittura fatica a superare i +20°C come se fossimo a metà Marzo, nelle battute finali dell’Inverno.  Una situazione che cambierà drasticamente nei primi giorni di Luglio quando dovrebbe arrivare la prima vera ondata di caldo della stagione, con temperature minime di oltre +26°C e massime fino a +38/+39°C.

Ma la situazione al momento è ben diversa. Già oggi pomeriggio violenti temporali pomeridiani hanno interessato le zone interne delle due isole maggiori, soprattutto in Sardegna dove le zone centro/meridionali dell’isola rischiano violenti nubifragi e grandinate. Forti temporali anche in Sicilia e al Nord/Est, sulle Alpi tra Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Domani, Lunedì 25 Giugno, avremo maltempo molto più intenso e diffuso su tutt’Italia. I fenomeni più estremi saranno ancora una volta al Sud, tra Calabria meridionale e Sicilia centro/orientale durante la mattinata. Si tratterà di violenti temporali con bombe d’acqua, forti raffiche di vento, tempeste di fulmini e locali grandinate. Ma altri temporali colpiranno l’alto Adriatico, tra Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna. Piogge sparse anche su Toscana, Marche, Lazio, Molise, Puglia e Basilicata. Nel pomeriggio avremo forti temporali su gran parte del territorio italiano, dal Nord/Est alla Sardegna passando per il Lazio.

Commenta su Facebook