Amianto in uffici e locali pubblici, 5 Stelle chiedono se legge sul censimento è stata applicata

976

Amianto negli uffici e locali pubblici. I consiglieri del Movimento 5 Stelle, Valeria Alaimo e Giovanni Magrì presentano un’interrogazione al sindaco Giovanni Ruvolo e all’assessore all’ambiente Amedeo Falci per chiedere se il comune, in ottemperanza alla legge regionale 10 del 2014 abbia o meno avviato il censimento. Si tratta della legge in applicazione del Piano Nazionale Amianto che prevede iniziative di prevenzione e risanamento rispetto all’inquinamento da amianto. Un censimento da inviare a famiglie, imprese ed enti pubblici, da rendere disponibile nel sito web del Comune.
I consiglieri 5 stelle chiedono “se in ottemperanza al dettato normativo l’ Amministrazione comunale creerà un portale informativo per diffondere nelle scuole, negli ospedali e in tutte le imprese, le informazioni inerenti le prescrizioni, gli obblighi e le sanzioni previste dalla normativa” in tema di pericolosità dell’amianto e procedure di rimozione. In particolare “essendo il termine di “segnalazione presenza amianto” già scaduto il 9 settembre 2014”, chiedono “come si comporterà l’Amministrazione nei riguardi dei cittadini che possono essere colpiti da sanzioni ma “ancora ignari della legge, per mancata informazione da parte dell’ Amministrazione”.

Commenta su Facebook