Altri 900 litri di latte donati da Parmalat a Caltanissetta presi in carico dalla Croce Rossa

94

Continuano le donazioni di generi alimentari da parte di aziende nazionali che rispondono all’appello della Croce Rossa per sostenere le tante famiglie che vengono assistite quotidianamente. La scorsa settimana Parmalat ha effettuato un’altra  donazione di latte, questa volta ben 900 litri che sono giunti nei magazzini della Croce Rossa nissena affinché fossero distribuiti alle famiglie di Caltanissetta. In questo momento di  necessità anche le grosse società che trasformano i prodotti del nostro territorio sono vicine alle esigenze della popolazione. Già nei mesi scorsi la Parmalat aveva effettuato altre donazioni, arrivando così a ben 1400 litri di latte e 140 kg di mozzarelle, che sono stati già distribuiti sull’intero territorio del Comitato di Caltanissetta. I prodotti, presi in carico dal comitato CRI nisseno sono già stati distribuiti  assieme agli altri alimenti raccolti presso i supermercati attraverso il sistema della “spesa sospesa” e alle derrate AGEA in collaborazione con la Caritas Diocesana, la Nissa Rugby e la Cooperativa Etnos, sotto il coordinamento dei servizi sociali dei Comuni interessati.

“Ringrazio la Parmalat ed i suoi dirigenti che si sono mostrati cosi sensibili alle nostre esigenze, le scorte di latte erano praticamente terminate. Nuovamente sollecitata da parte del nostro volontario CRI Salvatore Scalia, le derrate sono subito state donate a favore dei bisognosi segnalati dai servizi sociali o dall’iniziativa nazionale “il Tempo della Gentilezza”.  Il lavoro quotidiano dei volontari CRI sul territorio ci permette di essere attivi sette giorni su sette per sedici ore al giorno”, afferma il presidente Nicolò Piave.

“In questo momento di grave emergenza – conclude – non possiamo dimenticare di dare grande merito al lavoro svolto da tutti i volontari CRI, che ogni giorno si sacrificano con abnegazione per portare avanti i principi della Croce Rossa. Parliamo di decine di volontari del comitato CRI di Caltanissetta e dei gruppi territoriali del Comitato di Caltanissetta (Caltanissetta, Resuttano, Sommatino, Santa Caterina Villarmosa, Bompensiere, Campofranco, Montedoro, Serradifalco, Milena)  che operano a favore della collettività, in particolare per la popolazione vulnerabile ed in collaborazione con le autorità sanitarie”.

Commenta su Facebook