Alta velocità. Il "duo" Pagano-Cancelleri: "avevamo evidenziato di tenere guardia alta"

597

Gli onorevoli Alessandro Pagano e Azzurra Cancelleri di Caltanissetta, rispettivamente del Nuovo Centro Destra e del Movimento 5 Stelle, scrivono al Sindaco di Caltanissetta , ai sindaci del comprensorio ennese e nisseno interessati dal “Progetto di velocizzazione della linea ferroviaria Catania, Enna, Caltanissetta, Palermo”.
Ecco la lettera
“Cogliamo con interesse l’invito del sindaco Ruvolo per la giornata del 2 febbraio per trattare della tematica della linea Catania, Enna, Caltanissetta, Palermo, dandoTi atto che a seguito di quanto hai appreso alla presentazione del progetto il 23 gennaio scorso presso la Università Kore di Enna, hai voluto immediatamente dare seguito alle esigenze di chiarezza che sono emerse, contrariamente a quanti, anche a Te vicini – scrivono rivolti al sindaco – hanno con goffe fughe in avanti, scorrettamente fatto intendere ai nostri concittadini che tutto era risolto”.
“Noi avevamo subito evidenziato, in occasione del Consiglio Comunale straordinario del 10 novembre scorso che sposò i contenuti della nostra interrogazione, che la scelta del tracciato tradizionale era solo un piccolo primo passo, e che occorreva mantenere alta la guardia per scongiurare che interessi legittimi o meno prendessero il sopravvento, vanificando il lavoro che la straordinaria mobilitazione tra Istituzioni sta indirizzando”.
“Pur avendo grande fiducia nell’On. Ministro delle Infrastrutture, dimostratosi sensibile alle problematiche, abbiamo condiviso tra Parlamentari della città, il pensiero e le valutazioni tecniche, già prima di Te elaborate insieme a chi ha lavorato a questo progetto, l’ex Sindaco Campisi, ed il suo ex Assessore alla Pianificazione Territoriale Arch. Andrea Milazzo che dobbiamo ringraziare per il supporto e l’impegno competente che continua ad offrire”.
“Abbiamo scelto di non accontentarci di una semplice previsione, utile soltanto a soddisfare il esiderio di visibilità di chi, con goffe fughe in avanti, rischia solo di legittimare quanti non vogliono che il nostro territorio sia trattato alla pari di altri, ed abbiamo già anticipato al Ministro l’interrogazione parlamentare che alla presente ti alleghiamo, come testimonianza del nostro costante impegno per il nostro territorio”.
“Nella stessa chiediamo con forza e determinazione che il territorio provinciale di Caltanissetta venga già durante la gestione commissariale dello Sblocca Italia, interessato alla realizzazione di uno stralcio funzionale dell’opera, che possa contribuire a migliorare le esigenze di mobilità della Città di Caltanissetta. Marianopoli, San Cataldo, Santa Caterina Villarmosa, Vallelunga e Villalba, ma soprattutto che costituisca un impegno reale e concreto di Questo Governo e Questa Legislatura affinché l’alta velocità passi da Caltanissetta Xirbi, Marianopoli, Vallelunga, Villalba, servendo anche i territori di San Cataldo e Santa Catrina Villarmosa, nel sincero convincimento che solo un investimento di risorse potrà rendere irreversibile la situazione, ed impedire che le decisioni prese oggi siano sovvertite in diversi contesti decisionali.
Abbiamo inteso di inviare il nostro documento al Presidente del Consiglio Comunale, ed ai Sindaci ed ai presidenti dei Consigli Comunali dei Comuni di Marianopoli, San Cataldo, Santa Caterina Villarmosa, Vallelunga e Villalba, per una condivisione da parte dei Civici Consessi che possa rendere più autorevole la nostra azione legittimata dalle spinte dei territori.
Ti invitiamo pertanto a concorrere all’organizzazione di un Consiglio Comunale, con la più ampia partecipazione possibile di Istituzioni e Cittadini, anche di Comuni limitrofi, ed attivarti a sensibilizzare la Tua cittadinanza per fare sistema e dare forza alle necessarie azioni che dovranno essere presenti ad ogni livello”.

Commenta su Facebook