All’ospedale “Maddalena Raimondi” di San Cataldo un nuovo servizio per i pazienti costretti su sedia a rotelle

3897

Entusiasmo tra i pazienti e i loro familiari per l’apertura presso il reparto di Hospice di San Cataldo dell’ambulatorio per la ricarica delle pompe ITB. “L’apertura di questo ambulatorio – spiega il dottore Giuseppe Mulè, responsabile del reparto – fortemente voluta anche dalla direzione strategica dell’Asp di Caltanissetta e dalla direzione sanitaria del presidio ospedaliero Maddalena Raimondi, rappresenta un vantaggio non indifferente per le numerose persone che, per ricaricare la pompa Itb, erano costrette a recarsi a Catania o Palermo con frequenza mensile o bimestrale con notevole disagio per i pazienti, già di per sé costretti sulla sedia a rotelle”.

L’equipe è composta dai medici Giuseppe Mulè e Fabio Naro, dall’infermiere coordinatore Marcello Palermo e dall’infermiere Giuseppe Capobianco. “La pompa Itb – spiega ancora il direttore dell’Hospice Giuseppe Mulè  – è un dispositivo utilizzato per l’infusione intratecale di Baclofene, un farmaco utilizzato per contrastare gli effetti della spasticità severa. Tale dispositivo viene posizionato mediante un piccolo intervento chirurgico nell’addome del paziente e rilascia il farmaco in maniera costante durante tutto l’arco della giornata, in base al dosaggio stabilito. L’infusione avviene attraverso un catetere sottile in silicone posto in corrispondenza della colonna vertebrale e collegato direttamente alla pompa. Le condizioni patologiche che possono portare a spasticità muscolare possono essere la sclerosi multipla, i traumi vertebrali e l’ictus. La pompa intratecale al Baclofene rappresenta una scelta all’avanguardia per la cura della spasticità severa, migliorando notevolmente la qualità di vita di molti pazienti. Questi ultimi possono recarsi in ambulatorio previa richiesta di visita antalgica da parte del proprio medico curante cui segue ricovero in regime di Day Hospital. Una volta effettuata la ricarica e dopo aver eseguito il controllo computerizzato del riempimento del dispositivo, possono tornare subito dopo al loro domicilio”.

Commenta su Facebook