“Alleanza per la città” ascolta il richiamo del Sindaco. Avanti dopo un vertice di cinque ore

756

Un vertice di maggioranza convocato d’urgenza e durato dalle 18,00 alle 23,30 ha siglato una tregua in seno all’Alleanza per la città.

Chi si aspettava decisioni eclatanti, per il momento, rimarrà deluso. Anche perchè un po’ tutti hanno concordato con il sindaco Giovanni Ruvolo che sarebbe incomprensibile una spaccatura su un tema come le commissioni consiliari, “un epifenomeno” è stato detto.

Si va dunque avanti dopo un chiarimento a 360 gradi durato per alcune ore. Innanzitutto il sindaco Ruvolo ha giudicato sbagliati tempi e modi del documento diffuso da Polo Civico e “Centristi per la Sicilia”. Per il primo cittadino quella delle Commissioni consiliari era sì una questione da definire, ma politicamente, in seno alla maggioranza. Documento giudicato sbagliato, per farla pari e patta, come l’uscita pubblica di un anno fa di Pd e Sicilia Futura che in conferenza stampa attaccarono frontalmente Ruvolo chiedendo l’azzeramento della giunta.

Il casus belli era stato il diniego del Pd a partecipare a una riunione di maggioranza sollecitata dal Polo Civico sabato scorso.

“Non abbiamo tempo da perdere, sapete già qual è la nostra posizione”. Una risposta, quella dei vertici del Pd, che ha poi provocato la reazione piccata del Polo Civico.

Sulle commissioni il Pd si è detto favorevole a un azzeramento complessivo e non alla sostituzione di singoli presidenti. Ma di azzeramento le forze politiche in consiglio comunale non vogliono sentir parlare.

Il Partito Democratico, dal canto suo, ha difeso fermamente la posizione della presidente del consiglio comunale Leyla Montagnino, accusata di rispondere alle esigenze di equilibri politici regionali tra Pd e Sicilia Futura, piuttosto che alle istanze della maggioranza e del civico consesso cittadino.

I Dem hanno però evidenziato che in un parere dell’ex segretario generale Eugenio Alessi, viene spiegato che la rimodulazione delle commissioni attiene alla conferenza dei capigruppo e non è atto di competenza del solo Presidente del consiglio.

Chiaramente l’Alleanza non ne esce rafforzata in una fase politico amministrativa molto delicata, segnata dall’assenza di un segretario generale a Palazzo del Carmine, da un servizio rifiuti sospeso tra gare e ricorsi e, tra le altre cose, da grosse difficoltà nella programmazione dei fondi europei.

In giornata il PD farà un comunicato dopo aver annullato la conferenza stampa di oggi alla luce del vertice tenutosi d’urgenza ieri sera.

Commenta su Facebook