Alimenti sotto casa con il 70% di sconto. Ma adesso serve aderire all'iniziativa

728

Si chiama last minute sotto casa e si raggiunge all’omonimo sito web, www.lastmiutesottocasa.it, ed è l’iniziativa nata all’interno dell’Incubatore del Politecnico di Torino e che approda a Caltanissetta su input degli assessori Piero Cavaleri e Luigi Zagarrio.
Un portale che propone una nuova formula di live-marketing di prossimità e che consente ai negozi con prodotti alimentari in eccedenza e in scadenza, ma perfettamente integri, di informare con immediatezza e semplicità i cittadini che si trovano nelle vicinanze del loro negozio dell’opportunità di acquistare prodotti alimentari a prezzi scontati al 70%.
I clienti indicano, in fase di registrazione, a che distanza da casa vogliono ricevere le proposte, in tempo reale, e da quali tipologie di negozio, ricevendo così solo le offerte sotto-casa e per le categorie di prodotto realmente desiderate. Vince il negoziante, che realizza un incasso aggiuntivo e vede entrare nuovi clienti nel proprio esercizio, vince il cliente, che risparmia acquistando un prodotto fresco ma soprattutto vince il pianeta!
Tale sistema, infatti, consente di abbattere la percentuale di rifiuti organici e di umido, rappresentati dalle derrate alimentari ormai scadute che vengono smaltite.
A presentare l’iniziativa in conferenza stampa uno degli sviluppatori del portale, che a breve avrà anche un’applicazione per smartphone, l’ingegnere Stefano La Barbera, con gli assessori Piero Cavaleri e Luigi Zagarrio e la coordinatrice della rete della solidarietà Roberta Butera. I commercianti infatti, qualora non vendano i prodotti in scadenza, potranno cliccare su un’apposito link del portale che li destinerà alla rete di associazioni e parrocchie che a quel punto sapranno dove e quando poter andare a ritirare i prodotti.
Adesso, come ha spiegato l’ingegnere La Barbera, giovane sviluppatore del sistema operativo, serve che i media e l’informazione divulghino presso cittadini, operatori ed esercenti tale opportunità, incentivando le adesioni volontarie.

Commenta su Facebook