Al via la nuova Imu, la giunta Gambino approva il regolamento: sarà possibile compensare crediti e debiti tra tributi locali diversi

335

La Giunta comunale di Caltanissetta presieduta dal sindaco Roberto Gambino, ha approvato nella seduta di questo pomeriggio il nuovo regolamento Imu alla luce delle novità introdotte dalla legge di bilancio 2020 che ha abolito l’Imposta unica comunale (Iuc) unificando Imu e Tasi nella cosiddetta “nuova Imu”.

“Le aliquote restano invariate, semplicemente per gli immobili che erano soggetti alla sola Tasi cambia la denominazione dell’imposta: ora tutto rientra nella nuova Imu. Restano invariate le scadenze dei versamenti: 16 giugno 2020 per la prima rata e 16 dicembre per la seconda. Si tratta di scadenze previste dalla legge e di un tributo condiviso con lo Stato, quindi non è lasciato margine di manovra ai Comuni. Sono confermate le esenzioni e le agevolazioni precedentemente riconosciute”.

È stata mantenuta la previsione secondo la quale si considera abitazione principale l’unità immobiliare posseduta da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.

Ai sensi della nuova normativa Imu è stata prevista l’esenzione al 50% per le unità immobiliari, concesse in comodato gratuito dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda una sola abitazione in Italia.

E’ stata inoltre prevista la riduzione del 25% sulla base imponibile per le abitazioni locate a canone concordato.

“Nell’interesse del cittadino, infine, nella nuova proposta di regolamento è stata prevista la possibilità di compensazione tra crediti e debiti non più nell’ambito della stessa tipologia di tributo, ma anche in relazione alla Tari, novità fino ad ora non prevista.

 

Commenta su Facebook