Al via la nona edizione del premio alla cultura memorial Nuccia Grosso

Otto le scuole superiori che si affronteranno a colpi di arringhe, testimoni, interrogatori per stabilire se le quattro donne della storia: Elena di Troia, Maria Antonietta d’Asburgo, la monaca di Monza e Maria Tudor d’Inghilterra sono innocenti o colpevole .

Otto istituti che hanno creato “studi legali” All’interno della scuola per affrontare i processi.

Istituto Liceo Classico Ruggero Settimo, Il liceo scientifico Vittorini di Gela, l’istituto tecnico commerciale Sturzo di Gela, Il Liceo Classico Carafà di Mazzarino, l’istituto tecnico commerciale Rapisardi-DaVinci, il liceo scientifico Alessandro Volta, il liceo Scienze sociali Alessandro Manzoni/Juvara.

Domani (sabato) l’aula consiliare del comune di Caltanissetta si trasformerà in aula dibattimentale per celebrare il primo dei 4 processi storici.

Nel banco degli imputati ci sarà Elena di Troia. Accusata di cui all’art. 243 per aver provocato la guerra di Troia, tradendo Sparta, la sua patria, fuggendo con Paride Principe di Troia, dopo avere abbandonato il marito Menelao. Commesso in Sparta.

L’accusa è degli studenti dello “studio legale” Da Vinci/Rapisarda composto dalla prof. Belinda Castellana e il prof. Andrea Bonanno ed i loro alunni, supportati dall’avvocato Antonella Pecoraro che porteranno come testimoni Telemaco, Ecuba, Menelao.

La difesa sarà degli studenti dello “studio legale” del Liceo delle Scienze Umane Manzoni/Juvara guidati dai professori Sergio Bonsignore, Giusy Caminiti, Domenica Castronovo, Gabriella Cortese, Viviana Santoro, Maria Pia Scaglioso con il supporto dell’avvocato Avv. Salvatore Amico, che faranno testimoniare Priamo, Ifigenia , Tucidide

 

La giuria sarà composta dal magistrato avv. Alessandra Giunta, dal presidente della camera penale avv. Sergio Iacona, il presidente della scuola forense Alessi avv. Renata Accardi, l’avvocato penalista Boris Pastorello e l’avvocato penalista avv. Giacomo Vitello.

Il processo inizierà alle 17,30 e si può assistere nell’aula consiliare o in diretta video nella pagina facebook e sul sito di Radio cl 1.

 

La realizzazione grazie al comune di Caltanissetta assessorato alla cultura, al presidente del consiglio Giovani Magrì, alla camera di commercio, all’ordine degli avvocati che hanno patrocinato l’iniziativa che si chiuderà venerdì 3 Giugno per il gran galà al teatro Margherita.

Sarà molto interessante questo processo: “ELENA DI SPARTA ERA INNOCENTE? LA DONNA PIÙ ENIGMATICA DI TUTTI I TEMPI”. Vedremo.

 

 

 

 

 

Commenta su Facebook