Al Sant’Elia sale sulla scala antincendio e poi minaccia di gettarsi. Salvato dai vigili del fuoco

1367

Pomeriggio di Natale movimentato all’ospedale Sant’Elia dove un uomo è salito fino al settimo piano della scala di emergenza sedendosi sul bordo e lasciando per diverso tempo tutti con il fiato in sospeso. L’uomo, un 40enne, era uno dei pazienti ricoverati al reparto di psichiatria dell’ospedale. Nessuno sa come sia uscito dal reparto, sta di fatto che, intorno alle 17 di ieri pomeriggio, l’uomo, in fortissimo stato confusionale, è uscito fuori dalla palazzina dove è allocato il reparto di psichiatria per dirigersi sulla scala antincendio. Il 40enne è salito fino alla rampa tra il settimo e l’ottavo piano dove si è seduto sul bordo con le gambe penzoloni. Scena che non è sfuggita agli operatori sanitari che hanno subito contattato i vigili del fuoco e le forze dell’ordine. Poco dopo questi ultimi sono arrivati sul posto. Dopo aver sistemato il cuscino da salto i vigili del fuoco sono saliti con la scala fino al settimo piano. L’uomo, in evidente stato di agitazione, gridava fasi sconnesse e minacciava di farla finita. A quel punto uno dei vigilli del fuoco, con una mossa fulminea, si è gettato su di lui mettendolo in salvo. Il paziente è stato poi condotto al pronto soccorso dove ha ricevuto le cure del caso.

Commenta su Facebook