Al quarto tentativo si accontenta di una vecchia Panda. Ladro maldestro fermato dalla Polizia 

922

I poliziotti della Sezione Volanti, nel corso della notte, a seguito di richiesta di intervento pervenuta su linea di emergenza 113, sono intervenuti in contrada Canicassè, dove una residente aveva segnalato il tentativo di furto della propria autovettura.
Sul posto gli agenti constatavano, infatti, che ignoti, dopo essersi introdotti all’interno di una proprietà privata, tagliando il lucchetto del cancello, avevano asportato una autovettura Renault Scenic parcheggiata, successivamente abbandonata poco distante poiché rimasta impantanata nel terreno.
I poliziotti si mettevano a perlustrare la zona alla ricerca di sospetti. Poco dopo, verso le tre del mattino, lungo la S.P. 1 incrociavano un’autovettura Fiat Panda che procedeva in senso opposto di marcia, il cui conducente, alla vista del lampeggiante della pattuglia della Polizia, spegneva i fari e impegnava una curva, accelerando l’andatura per allontanarsi.
Lo stesso era raggiunto dai poliziotti, messisi al suo inseguimento, e bloccato poco dopo.  
L’uomo, un romeno di trent’anni, con precedenti penali per diversi furti, guida senza patente e diversi altri reati, dichiarava ai poliziotti che l’auto non era sua e che la stessa l’aveva asportata poco prima in contrada Canicassè.
Un’altra pattuglia delle Volanti contestualmente accertava che nella predetta contrada, nel corso della notte altre due autovetture erano state spostate dalla stessa proprietà, verosimilmente nel tentativo di rubarle successivamente: una Chevrolet Matiz e una Ford Fusion.
Condotto l’uomo in Questura, lo stesso era sottoposto a foto segnalamento presso la Polizia Scientifica e, essendo trascorso lo stato di flagranza, denunciato in stato di libertà presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale per ricettazione e guida senza patente.
In tutti i casi di cui sopra i proprietari dei quattro mezzi erano avvisati dai poliziotti del tentativo di furto delle rispettive auto e, alla proprietaria della Panda, era riconsegnato il mezzo.
Il romeno qualche giorno addietro si è reso autore di un altro furto di una minicar nel nisseno e poi fermato, dopo mezz’ora dall’allarme dato al 113, a Canicatti dai poliziotti del Commissariato di P.S.

Commenta su Facebook