Al Movi di Caltanissetta esperti a confronto per progetti a favore dei più bisognosi

233

Sessanta Volontari provenienti da diverse province della Sicilia hanno discusso per due giorni di povertà, impegno sociale e case del volontariato in Sicilia. Su invito del MoVi Sicilia si sono confrontate le migliori esperienze già attive nella regione e si è programmata un’azione comune nei confronti della politica (amministrazione locale) per stimolarli a mettere a disposizione del volontariato spazio e beni abbandonati in modo che i volontari possano fornire ai cittadini bisognosi servizi gratuiti nelle case del volontariato attive a Mazara del Vallo, Gela, Caltanissetta, Termini Imerese e nell’esperienza romana delle scuola Di Donato.

Sono attivi servizi educativi, di mensa, corsi di lingua inglese per adulti, sostegno alle persone con handicap, integrazione degli immigrati e tanto altro. Tutti i servizi sono resi senza oneri per le amministrazioni locali grazie alle capacità progettuali del volontariato.

La rete Nazionale del MoVi continuerà a sostenere la nascita di queste esperienze in Sicilia e nelle altre regioni Italiane. L’iniziativa è stata finanziata dal sistema Regionale COGE e Centri per i servizi del volontariato.

Hanno partecipato fra gli altri il Presidente Nazionale del MoVi Gianluca Cantisani, Il Presidente Regionale Ferdinando Siringo, Il Presidente di Caltanissetta Filippo Maritato e l’amministrazione comunale rappresentata dall’assessore Carlo Campione .

In occasione dei due giorni si è svolto anche il corso di formazione di dieci ragazzi e ragazze volontari del servizio civile che prestano servizio nelle tre sedi accreditate di Caltanissetta, Gela e Mazara Del Vallo. Il corso è stato presentato dal responsabile Nazionale MoVi del servizio civile universale Alessio Colacchi.

La casa delle Culture e del Volontariato è stata valida ad organizzare una serata all’interno della struttura offrendo una cena a base di pizza allietata dalla musica del complesso “The Circus”. Un altro momento di socializzazione è stato il pranzo della giornata successiva sempre all’interno della struttura. L’assemblea si è conclusa alle ore 17.

Commenta su Facebook