Aggressione al presidente della Nissa Ferrante. Arrivano le scuse dell’ex Calvaruso

2473

Dopo l’aggressione di due domeniche fa al presidente della Nissa, Natale Ferrante, fuori dallo stadio Palmintelli, arrivano le scuse dell’ex calciatore biancoscudato, Carlo Calvaruso.

Una lettera recapitata alla società Nissa e che pubblichiamo di seguito in cui il calciatore fa mea culpa.

Il testo della lettera

“A distanza di qualche giorno dai fatti accaduti domenica pomeriggio, mi trovo a scrivere una lettera cosciente di quanto commesso.

Non voglio assolutamente commentare il grave atteggiamento assunto fuori dallo stadio nei confronti del Sig. Ferrante Natale, Presidente della Sport Club Nissa 1962, certi comportamenti non possono essere né commentati né giustificati.

Di certo spiegherò il perché del mio nervosismo che mi ha portato a reagire in tal modo nei suoi confronti.

Innanzitutto mi scuso con il Presidente e con la dirigenza in quanto sono stato trattato sempre bene dalla società Nissa. Dalla società ho sempre ricevuto tutti i miei rimborsi e premi vari non avanzando, pertanto, nessun centesimo.

Io stavo benissimo a Caltanissetta. Proprio per il mio stare bene in questa città e con questa dirigenza che non ho accettato e non ho capito il perché del mio svincolo a dicembre. Ho pensato che il Presidente lo avesse fatto per una questione personale, dopo che ho dato l’anima per questa maglia.

Sembra banale come giustificazione e risulta esserlo dopo il mio comportamento errato assunto nei confronti del presidente. Sono pentito di questo. Ma ho vissuto un momento personale difficile e chiedo per questo che non venga cancellato tutto quello che di buono ho fatto, insieme ai miei compagni, per la Nissa.

Chiedo scusa per mio brutto gesto alla città di Caltanissetta, che avrò sempre nel cuore per tutto quello che mi ha dato.

Palermo, 10/02/17

Carlo Calvaruso

Commenta su Facebook