Aggrediti due operatori di Caltaqua a Gela, clima rovente, "riflessione se continuare servizio senza garanzie sicurezza"

405

“Il ripetersi di aggressioni, anche fisiche, ai danni di operatori che diventano bersaglio degli ingiustificati ed ingiustificabili scatti d’ira di utenti, rappresenta un fatto inquietante che obbliga tutti a una profonda riflessione sulla opportunità di continuare a garantire un servizio di supporto all’utenza senza adeguate garanzie da parte degli organi preposti alla tutela dell’ordine pubblico”. Così Caltaqua denuncia l’avvenuta aggressione ai danni di propri operatori a Gela. 
Caltaqua – Acque di Caltanissetta S.p.A., gestore del servizio idrico integrato per la provincia di Caltanissetta, “intende stigmatizzare in maniera ferma il deprecabile comportamento di un utente che stamane ha colpito due operatori della sede di Gela. A loro va la piena ed incondizionata solidarietà dell’azienda”.
“Quanto accaduto stamane – prosegue la nota – rappresenta un segnale di una situazione di insofferenza generalizzata della quale non possono essere chiamati a pagare il conto né i lavoratori né un’azienda che gestisce un servizio primario, come quello idrico, sul quale si stanno scaricando adesso anni di critiche strumentali”.
“Caltaqua, oltre ad appellarsi al buon senso di tutti, ha – dal canto suo – immediatamente disposto il rinforzo del personale addetto alla sorveglianza, ferma restando la necessità di un confronto con tutte le istituzioni del territorio per scongiurare il ripetersi di simili gravi episodi”.
L’episodio odierno fa seguito al principio d’incendio della sede di Caltaqua avvenuto dieci giorni addietro sempre a Gela.
 

Commenta su Facebook