Agenti lo fermano per strada, il fratello a casa tenta di buttare l'erba nel water. Denunciato 24enne

800

Altra mini piantagione fai da te a Caltanissetta. Denunciato per coltivazione e detenzione a fini di spaccio di stupefacenti un sorvegliato speciale, trovato con 9 grammi di hashish e 3 piantine di marijuana.
Mentre la Polizia perquisiva l’abitazione, il fratello minore ha tentato di disfarsi di tre piante di marijuana buttandole nel water. E’ accaduto nella mattinata di ieri, quando i poliziotti della Sezione Volanti , transitando per Via Sallemi, hanno incrociato l’uomo con precedenti di polizia per furti in abitazione e stupefacenti, sottoponendolo a perquisizione. Nello zaino del ventiquattrenne, gli agenti hanno rinvenuto due stecche di hashish avvolte in cellophane per complessivi 3,5 grammi.
Nella sua casa, in Via Regina Elena, i poliziotti hanno trovato  un’altra stecca di hashish di 5,5 grammi circa e tre vasi di vetro vuoti emananti un forte odore di marijuana e un rudimentale marchingegno, consistente in una sedia in legno avvolta con carta stagnola e una lampada fissata sullo schienale, verosimilmente utilizzato per la coltura di piantine.
Sul davanzale altri vasi vuoti e una scia di terriccio che portava in bagno. Contemporaneamente il rumore del water, che ha fatto capire agli agenti che qualcuno distava disfacendo di qualcosa, probabilmente le piantine appena espiantate.
Era il fratello 15enne, convivente del sorvegliato, che  stava cercando di disfarsi di tre piantine di marijuana rispettivamente di cm 30, 35 e 60, tutte recuperate in tempo dagli agenti.
Il ventiquattrenne è stato denunciato in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale per il reato di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché per violazione delle prescrizioni inerenti lo status di sorvegliato speciale della P.S. imposte dal Tribunale di Caltanissetta.
La posizione del fratello minore, un quindicenne, è invece al vaglio della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta.

Commenta su Facebook