Affissioni pubblicitarie. La Commissione: “accordo di cartello affinché nessuno partecipasse alla gara”

1310

La IV Commissione Consiliare (Risorse e Sviluppo Economico) composta dai consiglieri Campione, Alaimo, Del Popolo, Mazza, Mirisola, Petrantoni e Scalia, nella disamina del Bilancio di previsione 2014 che sarà esitato il 23 Ottobre, sta approfondendo l’entrata economica che riguarda la cartellonistica pubblicitaria.

“Che è sempre la stessa da alcuni anni”, dicono i consiglieri.

“Nonostante nel 2010 il Consiglio Comunale abbia esitato un Piano Generale sull’impiantistica pubblicitaria che prevede una gara d’appalto per la gestione degli spazi, la gara espletata il 26 Giugno del 2014 è andata deserta. Naturalmente i privati competitori hanno siglato un cartello affinchè nessuno partecipasse alla gara, facendo in modo che restassero in vigore le autorizzazioni, valide soltanto per alcuni, che garantiva la precedente regolamentazione( 2004)”.

“Per onor di cronaca il regolamento del 2010 fu impugnato dagli stessi privati e nel Febbraio del 2014 una sentenza del CGA( Consiglio di Giustizia Amministrativa) diede ragione all’Amm.ne Comunale. In un momento di grande difficoltà economica quando i cittadini vengono vessati da tasse e tariffe per i minori trasferimenti statali e regionali, diventa necessario introitare più danaro. Secondo una stima del Rag. Generale l’appalto del Piano Generale sull’impiantistica Pubblicitaria potrebbe far introitare circa € 1.500.000 alle casse comunali. Pertanto la Commissione ha già sollecitato gli Uffici competenti ( Urbanistica)ha rendere fin da subito operativo il Regolamento sull’Impiantistica Pubblicitaria. La commissione ha anche sollecitato il Comando dei Vigili Urbani a verificare la liceità dei cartelloni gia esistenti con le norme del codice della strada. Pare che i cartelloni pubblicitari a Caltanissetta sono terra di nessuno dove vengono fatte speculazioni dai “soliti noti”. E’ compito della commissione fare chiarezza su tante voci troppo spesso non approfondite”.

 

Commenta su Facebook