Addio provincia di Caltanissetta, nasce il Libero Consorzio. "Mantenere alta l'attenzione"

1061

Il personale della ex Provincia Regionale di Caltanissetta ha concluso con un’ultima assemblea, indetta dalla Rsu, il presidio permanente dell’aula consiliare dell’ente, iniziato lo scorso 16 luglio in attesa della nuova legge sui liberi consorzi comunali che l’Ars ha approvato giovedì scorso. Due settimane di mobilitazione, dunque, che ha visto il personale, coordinato dalla stessa Rsu in sinergia con la rappresentanza sindacale, ricevere la solidarietà da parte delle maggiori istituzioni territoriali.
A trarre il bilancio di tale azione è stato il segretario della Cisl Funzione Pubblica Gianfranco Di Maria, che ha ringraziato i colleghi per la partecipazione alla vertenza, ricordando al contempo alcuni degli aspetti più salienti della nuova norma che – ha rilevato – per buona parte garantisce il personale, anche quello delle società partecipate, pur se c’è da continuare a tenere alta l’attenzione sulla fase attuativa della legge: si è poi rammaricato per il fatto che solo un terzo dell’Ars abbia approvato il nuovo testo. Ha poi riferito che i fondi di cui la ex Provincia è creditrice verso lo Stato potranno essere erogati solo a partire dal 2016.
Sono poi intervenuti Rosanna Moncada (Cgil), Salvatore Lauria (Ugl Fna) e Carmelo Centorbi (Uil), che hanno anch’essi invitato a proseguire impegno e attenzione sull’applicazione della nuova norma, ringraziando il personale per l’unità che ha contraddistinto localmente la vertenza.
Frattanto l’ex Provincia di Caltanissetta, così come le altre consorelle dell’isola, rimarrà commissariata fino alle elezioni degli organi del nuovo libero consorzio, che dovranno avvenire entro il prossimo novembre.

Commenta su Facebook