Ecco il modello Sicilia. Addio alle province. Passa abolizione all'Ars. M5S "esulta", per il PD "è svolta".

3062

provinceL’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato l’articolato del disegno di legge che prevede che entro il prossimo 31 dicembre sia approvata una legge che definisce il modello di Consorzi di comuni in sostituzione delle Province, con elezioni di secondo livello. Con il voto in aula di stasera le province regionali in Sicilia scompaiono dalla carta politica dell’Isola e soprattutto vengono annullate le elezioni dei consigli provinciali e dei presidenti che erano ormai imminenti per quasi tutte le province.

Un coro di soddisfazione unanime con diversi accenti è quello che esce dai partiti politici all’Ars. Il primo a esternare è l’ex capogruppo all’Ars, Antonello Cracolici: “lo avevamo detto, lo abbiamo fatto”.

“Una svolta per la Sicilia e per il Paese, una riforma che parte da qui e porta la nostra isola ad essere un punto di riferimento a livello nazionale per modernità e innovazione istituzionale. Il Pd all’Ars ha lavorato a lungo per questo risultato: è una vittoria di tutta la coalizione che sostiene il governo Crocetta. Avevamo preso un impegno e lo abbiamo mantenuto”, dicono Baldo Gucciardi, presidente del gruppo PD all’Ars e Giuseppe Lupo, segretario regionale del PD, a proposito del voto. Il testo del ddl approvato dall’Ars è stato riscritto attraverso l’approvazione di un emendamento (n° 1.169, primo firmatario Gucciardi, con Leanza e Malafarina) approvato con 53 voti a favore, 28 contrari e 1 astenuto. L’Ars si riunirà domani alle 16 per le dichiarazioni di voto e il voto finale al disegno di legge.

E infine la soddisfazione del Movimento 5 Stelle che fa proprio il risultato della votazione. Manca la formalità del voto finale, ma “i deputati del Movimento 5 Il gruppo 5 Stelle dopo il votoStelle possono già brindare ad un altro grande successo, dopo lo stop al Muos: le Province appartengono già al passato”.

“Siamo un modello per l’Italia”, commenta a caldo il capogruppo, Giancarlo Cancelleri. “La Sicilia è la prima regione che cancella le province. Siamo passati da ultimi della classe a pionieri nella lotta contro gli sprechi e agli enti inutili”.

“Questo risultato – afferma Salvatore Siragusa – è l’ennesima dimostrazione che il Movimento 5 Stelle è tutt’altro che protesta, ma proposta concreta e serissima”.

Commenta su Facebook