Acqua pubblica, il Vescovo si schiera con il Forum. Lettera ai parroci per facilitare banchetti e raccolta firme

1241

La diocesi di Caltanissetta, per decisione del Vescovo Mario Russotto, aderisce alla petizione per la ripubblicizzazione del servizio idrico. Il Forum Provinciale Acqua e i Beni Comuni di Caltanissetta, nei giorni scorsi, ha attivato una Petizione Popolare – forte della Legge Regionale Siciliana n. 19 dell’11.08.2015 – per la Ripubblicizzazione del Servizio Idrico Integrato, chiedendo che siano i Comuni a ritornare a gestire in proprio il Servizio Idrico. La Petizione è già stata avviata con una raccolta firme attraverso un banchetto posto in Piazza Garibaldi a Caltanissetta.

acqua-pubblica“Riconoscendo il valore e la bontà della Petizione Popolare in corso – in quanto i primi ad essere penalizzati dalla non Ripubblicizzazione del Servizio Idrico, sono i più poveri e indigenti, che subiscono i distacchi idrici quando non pagano le bollette – il Vescovo della Diocesi, Mons. Mario Russotto, si è subito reso disponibile a benedire e sostenere l’iniziativa del Forum. L’acqua è fonte di vita, costituisce un bene comune dell’umanità, un bene irrinunciabile che appartiene a tutti. Il diritto all’acqua è un diritto inalienabile: dunque l’acqua non può essere proprietà di nessuno, bensì bene condiviso equamente da tutti. Il Vescovo, pertanto, ha disposto che in tutte le parrocchie della città dove si presenteranno i membri del Forum, si dia l’autorizzazione a istituire un banchetto per la raccolta delle firme dei fedeli spiegando, durante l’omelia o al momento degli avvisi, il significato e il valore dell’iniziativa”.

Il Forum Provinciale dei Movimenti per l’Acqua ed i Beni Comuni di Caltanissetta” ricorda, dal canto suo, che saranno allestiti altri tre Banchetti Raccolta Firme, tutti di mercoledì dalle ore 16,00 alle ore 20,00: il 4 novembre in P.zza Mercato (lato V.le Conte Testasecca); l’ 11 novembre angolo Via Cavour con V.le Conte Testasecca; il 18 novembre in P.zza Garibaldi (lato fontana difronte al Municipio).

Commenta su Facebook