Acqua a sbafo per irrigare i campi tra Butera e Gela. 26 imprenditori agricoli causati di furto aggravato

254

Rubavano l’acqua dalla condotta idrica pubblica gestita da Siciliacque. Con questa accusa 26 imprenditori della piana di Gela e della zona di Butera sono stati raggiunti da misure cautelari nell’ambito dell’operazione battezzata “H2O” dalla procura della città del Golfo. Mercoledì mattina gli agenti del commissariato hanno dato esecuzione all’ordinanza cautelare che prevede il divieto di dimora e di accesso alle aziende agricole e per alcuni di presentazione alla polizia giudiziaria. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di furti aggravati di ingenti quantità di acqua potabile ai danni della condotta idrica Gela – Aragona, infrastruttura gestita dalla Siciliacque S.p.A. Le condotte contestate sono tutte aggravate dalla commissione del fatto con violenza sulle cose e su beni destinati a pubblico servizio ed utilità.

Commenta su Facebook