Accoglienza e integrazione, incontro dibattito di “Cittadinanza 3.0”. Il Polo Civico, “dopo Parigi rischio ostilità per chi chiede di vivere”

1020

Un contributo di analisi e riflessione sulla delicata questione dell’accoglienza e dell’integrazione dei migranti, di quelle migliaia di persone che fuggono dalla guerra e dalla fame.

L’officina “Cittadinanza 3.0” del Polo Civico organizza, alla biblioteca Scarabelli venerdì 20 novembre alle ore 17.30, un incontro/dibattito dal titolo “IntegrAzione. Da ospiti a cittadini”.

IMG_8816“Il tema, dopo i fatti di Parigi, è ancora più delicato e interessante perché il rischio concreto di fronte agli attacchi terroristici è la chiusura, se non l’ostilità, verso chi approda sulle nostre spiagge o chi chiede di vivere assieme a noi”, spiegano le officine della “cittadinanza 3.0” in una nota di Lorenzo La Rocca.

Interverranno al forum il prof. Emiliano Abramo, portavoce Sicilia della comunità di Sant’Egidio, al quale è stato assegnato nel giugno del 2015 il premio Colombe d’Oro per il lavoro svolto dalla comunità nell’accoglienza ai migranti e ai profughi sbarcati in questi anni in Sicilia; la dott.ssa Gabriella Tomai, magistrato presso il Tribunale dei minori di Caltanissetta, esperta conoscitrice delle difficoltà dei minori; e il dott. Piero Cavaleri, psicologo e grande studioso delle relazioni umane. Modera Alberto Sardo, giornalista.

Il Seminario avrà un taglio agile e veloce, facendo precedere il forum da brevi interventi orientati a dare una fotografia del fenomeno della migrazione a Caltanissetta. Si analizzeranno i dati in possesso dalla questura di Caltanissetta grazie all’intervento del dott. Sergio Garufi (Commissario Questura di Caltanissetta); verrà resa testimonianza, dal dott. Giuseppe Paruzzo (Caritas Comitato di Caltanissetta), dell’assistenza che la Caritas fornisce a tutti i migranti. Sarà inoltre presente la Croce Rossa Italiana con il dott. Nicolò Piave, l’avv. Delia Perricone, Arshad Alì, un migrante sbarcato anni fa e oggi inserito nella nostra società, la dott.ssa Maria Rosaria Bufalino della cooperativa Etnos e Khan Toseef Ahmed, un mediatore culturale e la dr.sa Francesca Morgano di Emergency.

“Il mondo di questi ultimi anni sta cambiando e la politica ha il dovere di interrogarsi su questi cambiamenti, studiarli e provare a dare delle soluzioni che siano più di sostanza rispetto alla scontata filosofia da bar”, conclude l’Officina Cittadinanza 3.0 del Polo Civico

Commenta su Facebook