A scuola non si torna. Intervista al Corriere della ministra Azzolina: “Troppi rischi”

509

A scuola non si torna perché ci sono ancora troppi rischi. Questo il pensiero della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in un’intervista sul Corriere della Sera in cui fa presente che si “allontana sempre di più la possibilità di riaprire a maggio” e che “il governo prenderà a giorni una decisione”. La ministra sottolinea che anche se ci sarà per tutti la promozione, le pagelle saranno “vere”, con i 4 e i 5. E per le famiglie ci sarà un aiuto con “un’estensione del congedo parentale e del bonus baby-sitter”. Per la Maturità “sarebbe auspicabile” l’esame a scuola.

‘Il governo a giorni prenderà una decisione – ha dichiarato il numero uno del dicastero di Viale Trastevere – Ma con l’attuale situazione sanitaria ogni giorno che passa allontana la possibilità di riaprire a maggio. Significherebbe far muovere ogni giorno oltre 8 milioni di studenti’. Il ministro ha sottolineato come non si possono cancellare gli sforzi che si sono fatti sinora, tenendo presente che solo nella giornata di ieri si sono registrati 525 decessi.

Commenta su Facebook