A pieno organico la Procura per i minori. Il Procuratore Vaccaro: “ufficio che consente rieducazione pena in Italia”

2427

Con un’udienza tenuta dal Presidente del Tribunale per i minori, Antonino Porracciolo, si è insediato il nuovo sostituto Procuratore Stefano Strino, che affiancherà il Procuratore capo Laura Vaccaro alla Procura per i minori di Caltanissetta. All’udienza di insediamento, nell’aula del Tribunale di via Don Minzoni, c’erano tra gli altri il magistrato del tribunale per i minori, Gabriella Tomai e una rappresentanza dell’avvocatura, dei giudici onorari e dell’Istituto penale minorile.

Schermata 2015-11-23 alle 18.20.51
Il procuratore Laura Vaccaro e il neo sostituto Stefano Strino
Il procuratore Laura Vaccaro ha voluto sottolineare l’importanza del ritorno al pieno organico della procura per i minori.

“Sono lieta – spiega – perchè il primo atto da Procuratore è stato quello di rappresentare alla Procura generale e al CSM la necessità di ricomporre l’organico nella sua interezza”, ha detto la Vaccaro. “L’ufficio minorile è prioritario – afferma il Procuratore per i minori – in quanto unico in Italia che consente la funzione rieducativa della pena. In secondo luogo siamo in un distretto particolarissimo, con realtà di particolare significato, come Gela e Niscemi ma anche altre zone. Per queste ragioni ricomporre l’ufficio e dare nuovo impulso era necessario”.

L’obiettivo più volte indicato dal Procuratore Vaccaro è quello di fare dell’ufficio della Procura “un punto di riferimento per scuole e istituzioni”.

La condizione minorile nel distretto nisseno richiede, secondo il Procuratore, vigilanza. “Negli ultimi tempi abbiamo avuto un preoccupante fenomeno, una quantità di minorenni fermati con stupefacenti e su questo dobbiamo vigilare. Abbiamo avuto casi di minori finiti in coma per abuso di stupefacenti. Su questi fronti, come anche bullismo, stalking e uso di minori come manovalanza della criminalità, la Procura c’è. Non solo sotto il profilo delle indagini ma vuole lavorare anche con le altre istituzioni e la società civile che si occupano di minori. Su questi fronti, con il pieno dell’organico vogliamo essere presenti”.IMG_2054

Un altro capitolo affrontato nella conferenza stampa dal Procuratore è quello del distretto di corte d’Appello, soppresso il quale si abbatterebbe anche il presidio per i minori.

“Nel momento in cui la Corte d’Appello venisse soppressa, un baluardo a tutela dei minori cadrebbe”, ammette seccamente la Vaccaro.

“Se si modifica l’assetto territoriale, questo ufficio verrebbe soppresso e questo ci preoccupa soprattutto per i minori”.

Il Procuratore fornisce quindi un dato. “Da quando sono qui c’è stato un incremento del 80% di minori stranieri non accompagnati. Siamo passati da 75 fascicoli a 178 fino al 1° settembre. Se consideriamo che tra i terroristi di Parigi vi era un ragazzo di 20 anni, ci rendiamo conto che gli uffici che operano con i minori, oggi più che mai sono uffici che vanno salvaguardati. Perchè attraverso la cura del minore potremmo curare questo mondo malato anche di violenza”.

Il neo sostituto procuratore per i minori, Stefano Strino, viene da Napoli e il suo impegno a Caltanissetta rappresenta il primo incarico con “tutto l’entusiasmo di assumere una funzione che è un onore e un privilegio, quello di lavorare con i minori”, ha detto alla stampa prima dell’udienza. “Una fascia delicata dove c’è la possibilità di avere una funzione rieducativa della pena, laddove il minore risponde positivamente a questo”.IMG_2059

Il presidente del Tribunale per i minori, Porracciolo, rivolto al nuovo sostituto Procuratore Strino, ha sottolineato che con la firma dell’incarico si assume “responsabilità ma anche ciò che di bello c’è nel nostro lavoro”.

“Il magistrato – ha detto Porracciolo – dev’essere umile senza mai arroganza e presunzione. Qualunque nostro provvedimento protrà avere effetti ingiustamente devastanti e irreversibili. Qualunque provvedimento può essere ribaltato e dunque non serve la prosopopea”.

Commenta su Facebook