"A che titolo un giornalista obietta a un comunicato stampa?". Replica di CL Protagonista e nostra risposta

1270

Il movimento Caltanissetta Protagonista replica al nostro articolo. Di seguito il comunicato stampa inviato da Caltanissetta Protagonista e a seguire la nostra risposta.

Corre l’obbligo di rispondere all’articolo a firma di Alberto Sardo che sul sito di radio cl1 ci accusa di mala informazione. I dati che noi rendiamo fruibili a tutti sono estrapolati dal sito della prefettura e non nostre elucubrazioni mentali. La circolare parla espressamente di affidamento del servizio di accoglienza nella provincia di Caltanissetta dei cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale e chiede agli Enti locali la disponibilità ad accogliere migranti. Da qui nasce la nostra denuncia verso il Sindaco di Caltanissetta, che nel monitorare la disponibilità della nostra città ad accogliere immigrati sembra sottovalutare e non rendersi conto della grave situazione organizzativa e di gestione dei già numerosi migranti presenti. L’ovvietà che si tratti di nuovi immigrati deriva dal fatto che il bando prevede che l’aggiudicatario deve essere in possesso di certificazione urbanistica e sanitaria, relativa alla struttura ed ai locali ove saranno ospitati i migranti. E’ prevista dunque l’ospitalità dei migranti presso una struttura diversa rispetto alle esistenti; né altrimenti si può pensare che gli attuali ospiti del Cara di Pian del lago vengano spostati in altre strutture della città, non avrebbe logica pensare ciò! Quanto all’aspetto economico, si legge testualmente: “Relativamente all’offerta economica, il concorrente dovrà indicare la percentuale di ribasso sul prezzo massimo pro-capite pro-die di € 35,00.” In ultimo ci chiediamo:

  • A che titolo viene obiettato un comunicato stampa che, per la sua natura, andrebbe prima pubblicato integralmente e poi eventualmente commentato(senza essere rimodulato);

  • A che titolo interviene il giornalista in difesa del Sindaco e contro il Presidente Lovetere, dal momento che non solo non ci risulta che Egli stesso faccia parte dello staff dell’Ufficio Stampa del Comune, ma inoltre il comunicato inviato agli organi di stampa è a firma dell’Associazione tutta;

  • Perché tanto zelo nel rispondere al nostro comunicato stampa, visto che comunque, al di là dell’interessamento personale sull’argomento, un giornalista dovrebbe prima con attenzione intenderne i contenuti.

Ad maiora!”

Risposta del giornalista 

Rispondo volentieri all’ultima domanda e alle altre poste dal movimento Caltanissetta Protagonista. Lo zelo per un giornalista è un dovere, non ha bisogno di spiegazioni.

Non serve far parte dello staff del sindaco affinché il giornalista diffonda una corretta informazione. Poiché nel comunicato di Caltanissetta Protagonista si parlava di “altri arrivi” e con diverse affermazioni si lasciava intendere l’aumento dei posti per rifugiati politici in accoglienza nel capoluogo (circostanza confermata anche nella replica di cui sopra) , tenuto conto che in base alla Carta di Roma è obbligo del giornalista evitare notizie fuorvianti in tema di migranti, si è solo fatto presente che il numero dei posti in accoglienza in provincia di Caltanissetta rimane identico a quello attuale. Il bando in oggetto prevede lo stesso numero di posti in accoglienza rispetto a quelli presenti oggi. Se nuove o diverse strutture saranno accreditate, ciò avverrebbe a numero di posti invariato in provincia di Caltanissetta.

Come è facilmente desumibile dal bando della Prefettura di Caltanissetta, infatti, il numero di posti in accoglienza è di “470 persone, corrispondente al numero dei migranti in accoglienza nel territorio di questa provincia alla data di pubblicazione del presente avviso”.

Non serve alcun titolo specifico per “obiettare”, criticare o controbattere a un comunicato stampa di un movimento politico. Chiunque, cittadino o  giornalista, può intervenire nel dibattito pubblico e troverà sempre spazio in radio. Il giornalista si assume ancor di più, ovviamente, la responsabilità di ciò che scrive.

Confermo, infatti, che il Comune di Caltanissetta non ha alcuna competenza nel bando in questione e nell’accoglienza dei rifugiati politici. Sulla diaria, infine, devo rilevare “una notizia sbagliata” nel nostro articolo. E’ vero che si tratta di 35 euro giornalieri, relativamente all’offerta economica, e di questa imprecisione ci scusiamo (avevamo detto 30) ma confermiamo che tale somma sarà soggetta a ribasso d’asta per cui non sarà la cifra finale  erogata  alle società o cooperativa che gestiranno il servizio.

Non sta scritto da nessuna parte che i comunicati vadano pubblicati integralmente e senza contraddittorio. Se ciò spesso avviene non significa che sia una regola da seguire. Un sano giornalismo non è mai acritico e questo per rispetto ai lettori.

Alberto Sardo

Commenta su Facebook