8 marzo e festa della Polizia saranno occasioni di confronto con i giovani e il mondo della scuola

98

“Gli educatori non sono soltanto gli insegnanti, ma gli allenatori, gli operatori delle parrocchie, i genitori”. E’ a loro che si rivolge il questore di Caltanissetta, Emanuele Ricifari, svelando che anche a Caltanissetta e in altri comuni della provincia esistono gang giovanili che dall’odio in rete potrebbero passare velocemente ai fatti in strada. Il questore di Caltanissetta ha parlato in una conferenza stampa annunciando che quest’anno la Polizia di Stato organizzerà eventi e attività sia in occasione dell’8 marzo, giornata internazionale delle donne, che ad aprile per la festa della polizia, coinvolgendo studenti, educatori e operatori del mondo giovanile.

La giornata internazionale delle donne come appuntamento per parlare insieme agli studenti della parità di genere e approfondire motivazioni e circostanze che determinano maltrattamenti e violenze. La festa della Polizia ad aprile, invece, come occasione per avviare percorsi di legalità in relazione alla crescente emergenza educativa. Si tratta di due appuntamenti a marzo e ad aprile che lo scorso anno sono stati completamente annullati a causa della pandemia e che nel 2021 saranno invece ripresi pur nel pieno rispetto delle norme anti contagio. Lo ha spiegato il questore Emanuele Ricifari incontrando giovedì mattina i giornalisti per anticipare il senso e le modalità delle due iniziative. L’8 marzo sarà l’occasione per richiamare alcune attività svolte in tema di prevenzione dei reati che vedono le donne vittime. Un messaggio sarà affisso in tutte le bacheche comunali della provincia e sarà organizzato un incontro aperto alle scuole, insegnanti, alunni e genitori. In quell’occasione saranno diffusi e analizzati i dati dei reati in provincia di Caltanissetta e a livello nazionale.

La festa della Polizia, se le condizioni lo consentiranno, si svolgerà al teatro comunale Margherita di Caltanissetta al mattino. Il pomeriggio a Delia, nella piazza del paese e nella nuova sala consiliare che sarà a breve inaugurata. L’incontro avrà come tema “Percorsi di legalità per l’emergenza educativa”. Saranno invitati gli studenti, gli insegnanti, le associazioni di volontariato e del terzo settore dalla parrocchia alle società sportive. Povertà educativa, devianza e violenza sono temi interconnessi e il questore ha lanciato un messaggio: “Gang giovanili si stanno costituendo anche a Caltanissetta e nei comuni vicini. Alcuni casi sono anche collegati alla violenza di genere e al sessismo”.

Commenta su Facebook