Il figlio di Pio La Torre per i “Dialoghi della magistratura con la società” dell’Anm. Venerdì a Palazzo di Giustizia

871

L’Associazione Nazionale magistrati di Caltanissetta si conferma al centro del più vivo dibattito in tema di mafia e antimafia con il secondo degli incontri previsti dei “Dialoghi della Magistratura con la Società” che si terrà venerdì 19 febbraio 2016 alle ore 16:00 presso l’Aula Magna “Saetta e Livatino” del Palazzo di Giustizia di Caltanissetta sul tema “L’etica dell’impegno sociale: l’esempio di Pio La Torre”, assassinato dalla mafia mentre conduceva la sua battaglia per le confische ai mafiosi e l’introduzione del reato di associazione mafiosa.

Interverranno infatti il figlio di Pio La Torre, Franco La Torre ed il magistrato Antonio Balsamo, presidente della Sezione misure di Prevenzione del Tribunale di Caltanissetta.

Un tema, quello della gestione dei beni confiscati, assurto alla cronaca dopo l’inchiesta della Procura di Caltanissetta sui presunti episodi di corruzione che non avrebbero risparmiato esponenti della magistratura palermitana, ponendo un serio interrogativo sul mondo delle professioni che attorno alle gestioni di beni sequestrati e confiscati ruota.

Franco La Torre, esponente dell’antimafia sociale della prima ora, ha posto sul tavolo il problema anche dentro una delle principali associazioni italiane che gestiscono beni confiscati con migliaia di volontari, quale è Libera di don Ciotti, di cui La Torre è stato dirigente fino a pochi mesi fa.

Commenta su Facebook