60ª Coppa Nissena. A sorpresa Christian Merli vince su Faggioli

1876

Simone FaggioliUna bella giornata di sole ha largamente compensato il maltempo di sabato che ha impedito lo svolgersi regolare delle prove ufficiali e, per i piloti, un set up soddisfacente. Soprattutto per il favorito Simone Faggioli che a bordo di una nuovissima Norma  M20 FC ha dovuto cedere il primo posto al suo antagonista di sempre Christian Merli che ha portato a casa una meritatissima vittoria su una Osella PA 2000 che conosce benissimo anche se i regolaggi, anche per lui, non sono stati ottimali a causa della pioggia di sabato.  Nella prima manche il pilota fiorentino con la Norma aveva spuntato il miglior tempo con un buon 1’56,72 che gli era valsa la prima piazza assoluta nonostante le noie al cambio e al volante. 1’58,94 invece il tempo di Merli con la sua Osella che aveva lamentato un assetto non ottimale. Tutta un’altra storia la seconda manche , dove la Norma del campione fiorentino ha accusato problemi di elettronica nella gestione dei rapporti che gli sono valsi un tempo di 2’02,36, mentre Merli abbassava ad 1’59,67. Una somma di tempi che ha favorito di 47 centesimi il già vincitore della Monte Erice che ha consolidato con questa vittoria la sua leadership.Terzo sul podio il pugliese di Fasano Francesco Leogrande che ha trovato il giusto set up della sua performante Osella FA 30 Zytec. In CN il primato è andato al sardo Omar Magliona con l’Osella PA21S Evo Honda. Spettacolare ed apprezzatissima dal numeroso pubblico siciliano, la  classe GT che è stata vinta dal ferrarista 458 Roberto Ragazzi. Sfortunato ritiro sul finale per noie alla frizione per il portacolori della Rubicone Corse Ignazio Cannavò alla guida della spettacolare Christian MerliLambo Gallardo. In gruppo E1 non ha avuto difficoltà il campano Piero Nappi a dominare ambedue le manche potendo scaricare appieno sui lunghi e veloci tratti della nissena la potenza del propulsore di Maranello che spinge la sua Ferrari 550. Subito dietro Domenico Chirico su Peugeot 106 che ha contenuto gli attacchi in Gara 2 del portacolori della Catania Corse Edoardo Cappello su Alfa Romeo 147, quest’ultimo accontentatosi poi del gradino più basso del podio dello stesso Gruppo.

Il Gruppo A è stato vinto da Salvatore D’Amico che con la sua più aggiornata Renault Clio ha avuto un mezzo meccanico più performante per piegare le aspettative del pilota di casa Roberto Lombardo che si è dovuto accontentare della seconda piazza. Terzo sul podio Paolo Parlato al volante della Honda Type R.

Ascolta l’intervista a Simone Faggioli

 Ascolta l’intervista a Christian Merli vincitore della gara

Intervista a Omar Magliona, miglior tempo in prova

Intervista a Roberto Lombardo

In gruppo N la vittoria finale è andata al campano Cosimo Rea si Citroen Saxò che ha preceduto di meno di 3 secondi il siciliano della Jonia Corse Luca Ligato su Peugeot 106. Terzo il catanese della Giarre Corse Rosario Alessi.  Giornata di solo divertimento per il pilota nisseno Rino Giancani che, avendo rotto il motore, ha dovuto montare un motore quasi di serie.

Intervista a Rino Giancani

DSC_0074In gruppo Racing Start doppia affermazione per Ivan Pezzolla su MINI Cooper S turbo, che in entrambe le gare ha preceduto per un secondo Oronzo Montanaro, anche lui su MINI. Terzo posto e primo tra le aspirate Antonio Scappa con la Renault New Clio RS, davanti alla gemella di Giovanni Angelini.

Da segnalare il cappottamento, per fortuna senza conseguenze, del pilota Angelo Loconte che ha perduto il controllo della sua Peugeot 106 16v bloccando la gara e costringendo 4 vetture che si trovavano già lungo il percorso, a tornare sulla linea di partenza da dove dopo circa 40 minuti, hanno potuto riprendere il via.

Archiviata l’edizione numero 60, il comitato organizzatore della Coppa Nissena, con in testa l’architetto Vincenzo Calandruccio, è già al lavoro per l’edizione numero 61.

 

La classifica assoluta ha visto quindi: 1 Christian Merli Osella Pa2000; 2 Simone Faggioli Norma M20 Fc marangoni; 3 Francesco Leogrande su Osella FA30; 4 Omar Magliona Osella Pa21 S Evo; 5 Domenico Scola su Osella PA 20; 6 Vincenzo Conticelli Osella PA 30 Zytek; 7 Rosario Iaquinta PA 21 Evo;  8 Giovanni Cassibba GLW; 9 Achille Lombardi su Radical SR4; 10 Francesco Conticelli Osella PA 21 Evo.

 

Nota della Redazione: si ricorda a tutti coloro che volessero scaricare una o più foto – per farne uso pubblico – che la legge impone di citare la fonte e, quindi, nel caso specifico “Radio cl1”

 

 

 

Commenta su Facebook