A 55 anni dalla maturità, si rincontrano i vecchi compagni del Liceo Classico per un viaggio nelle miniere

2944

(di Vittorio Trupia) Il 7 e l’8 maggio si è celebrato il periodico incontro dei vecchi compagni del Liceo “Ruggero Settimo” di Caltanissetta che nel lontano 1961 conseguirono la tanto agognata maturità classica.

Da quella lontanissima data sono passati ben 55 anni e gli alunni della sezione C e le alunne della sezione B, che nel frattempo Cimitero dei carusihanno continuato a mantenere costanti i loro contatti, hanno dato vita alla celebrazione di quell’evento così come avevano già avuto modo di fare in precedenza per il trentesimo e per il cinquantesimo anniversario.

Questa volta l’incontro è stato incentrato sui temi che determinarono la crescita della città di Caltanissetta nell’arco di tempo in cui la città era divenuta la capitale mondiale dello zolfo.

Sabato, i numerosi convenuti hanno visitato il cimitero dei Carusi nel quale viene rievocata la disgrazia della Miniera Gessolungo avvenuta il 12 novembre 1881 per poi passare all’Istituto Sebastiano Mottura nel quale ha sede il Museo Mineralogico dove sono stati accolti dalla preside Zurli.Gruppo 2

Il professore Garro ha poi guidato la visita degli ospiti illustrando i preziosi e rari minerali esposti.

A conclusione della visita è stato proiettato un raro documento cinematografico dell’epoca che descrive le varie fasi dell’estrazione e della lavorazione dello zolfo.

L’indomani, domenica, la comitiva si è recata a Gabbara in territorio sancataldese per visitare la vecchia “zolfara Persico” riesumata e curata da un manipolo di volontari guidati dal Geologo La Rosa. Esemplare è la passione con la quale questi giovani illustrano ai visitatori le varie fasi dell’estrazione dello zolfo. Per il raggiungimento di questo obiettivo i componenti del gruppo non hanno tralasciato nessuna tecnica a loro disposizione, come ad esempio la recitazione, il mimo, il canto etc….

Fortissime le emozioni che queste rievocazioni di storia nissena hanno suscitato negli animi degli ex alunni del Ruggero Settimo. Oggi sono tutti professionisti alla fine della loro carriera lavorativa ma molti di loro hanno avuto modo di manifestare la piena disponibilità a prestare le competenze da loro maturate in vari campi a favore della crescita della loro città natale. Naturalmente, nel caso in cui questi contributi fossero esplicitamente richiesti.

A chiusura del riuscito meeting, svoltosi sotto la guida del Dr. Corrado Cammarata e della Dr.ssa Alida Farinella, alcuni dei partecipanti sono rientrati nelle loro sedi di residenza: Londra, Cuneo, Milano, Roma, Palermo, Catania ed altre località d’Italia, non dopo essersi dato un altro appuntamento per il futuro (sic).

Commenta su Facebook