4 mila euro per l'evento senza nome. Una due giorni di non meglio precisati dibattiti ma di livello nazionale

1466
Si intitola “Organizzazione evento presso il centro polivalente “Michele Abbate” del 27 e 28marzo 2015″, la determinazione dirigenziale della “Direzione prima” del 6 marzo 2015 con cui il Comune di Caltanissetta prevede una cifra di 4 mila euro per “realizzare per i giorni 27 e 28 marzo 2015, un evento a livello nazionale che prevede la realizzazione di una serie di incontri dibattito su varie tematiche di interesse pubblico, con la partecipazione di relatori ed ospiti di livello regionale e nazionale”.
La formula scelta è l’indagine di mercato, dunque il miglior offerente in base alla qualità dei servizi offerti per qualcosa che però la cittadinanza, a meno di venti giorni dal “grande evento” non  conosce. Dunque viene pubblicata la relativa “indagine di mercato” per individuare l’agenzia che dovrà curare “l’evento”. Sono richieste locandine, manifesti e anche i voli aerei delle città di provenienza degli ospiti.
Nel bando si ribadisce che “l’evento è di livello nazionale” quindi attenzione a non sbagliare! Ma se un evento è di livello nazionale, l’amministrazione non dovrebbe conoscerne l’oggetto, il tema, l’ambito di interesse? Un’altra domanda sorge spontanea. Ma una delibera o una determina non dovrebbero essere complete delle informazioni minime necessarie, ovvero oltre al numero di locandine e servizi anche il tema dell’evento per cui si spendono i soldi della collettività?

L’organizzazione prevede la fornitura dei seguenti servizi:

  1. Elaborazione grafica concordata e approvata dall’amministrazione comunale e stampa di circa 500 pieghevoli (ma ci sarà il tempo di realizzarli, concordali e stamparli per poi diffonderli?. ndr,)

  2. Elaborazione grafica concordata e approvata dall’amministrazione comunale e stampa di 300 manifesti dimensione 70*100 (ma ci sarà il tempo per affidare la gara, realizzarli, stamparli e affiggerli? ndr.)

  3. Elaborazione grafica concordata e approvata dall’amministrazione comunale e stampa di 5 manifesti dimensione metri 3 * 6;

  4. Elaborazione grafica concordata e approvata dall’amministrazione comunale e stampa di circa 200 inviti e recapito degli stessi secondo le indicazione dell’amministrazione comunale;

  5. Elaborazione grafica concordata e approvata dall’amministrazione comunale e stampa della “ carpetta ospiti ” contenete il materiale del convegno + materiale per appunti (carte, penne, etc);

  6. Servizio di service audio per il giorno 27/03/2015 relativo a n. 2 sale convegno diverse da svolgersi in contemporanea ( il servizio deve essere adeguato alla dimensione delle sale e deve assicurare un perfetto audio per tutti i presenti e deve prevedere un numero di postazioni microfoniche pari almeno a 4 per ogni sala + microfono “volante” – ed inoltre arredamento del tavolo relatori/ospiti)

  7. Servizio di service audio per il giorno 28/03/2015 presso la sala convegni del centro polivalente “Michele Abbate” ( il servizio deve essere adeguato alla dimensione delle sale e deve assicurare un perfetto audio per tutti i presenti e deve prevedere un numero di postazioni microfoniche pari almeno a 4 per ogni sala + microfono “volante” – ed inoltre arredamento del tavolo relatori/ospiti)

  8. Personale addetto all’accoglienza ( almeno 2 hostess per ogni sala per ognuno dei convegni – totale 6 hostess)

  9. N. 1 volo da Varese a Catania e per il giorno 27/03/2015 e ritorno in data da concordare per n. 1 persona + trasferimento a e da Caltanissetta (Ma se si conosce la città da cui proviene l’ospite perché non indicarlo nell'”Evento”?)

  10. N. 1 volo da Ancona a Catania e per il giorno 28/03/2015 e ritorno in data 29/03/2015 + pernottamento a Caltanissetta per n. 1 persona + trasferimento a e da Caltanissetta;

  11. Cena per massimo 25 pax per il 27/03/2915 (tipologia della cena da concordare con amministrazione comunale)

  12. Pranzo per max 15 pax per il giorno 28/03/2015 (tipologia del pranzo da concordare con amministrazione comunale)

  13. N. 12 pezzi di oggettistica locale da donare, opportunamente confezionati, agli ospiti e relatori dell’evento (l’acquisto deve essere concordata e approvata dall’amministrazione comunale)

 

Commenta su Facebook