300 mila euro dimenticati? “non è per nulla vero”. L’ex assessore replica: “errore da entusiasmo”

1061

300 mila euro dimenticati nel cassetto per l’arredo urbano di piazza mercato Grazia e del mercato della Strata ‘a foglia? Non è per nulla vero secondo l’ex assessore ai lavori pubblici, Carlo Giarratano che smentisce la notizia data dall’attuale assessore allo sviluppo economico, Massimiliano Bellomo.

Soldi di cui nessuno si sarebbe accorto, eppure disponibili? Assolutamente no, secondo Giarratano, assessore della giunta Campisi, che spiega l’iter seguito durante il suo mandato ai Lavori pubblici.

Nell’ambito del piano integrato per lo sviluppo commerciale, Pisc, oltre 800 mila euro, spiega Giarratano, 250 mila euro furono impiegati per integrare la copertura finanziaria necessaria a completare il tratto mancante tra piazza Garibaldi e corso Umberto. Altri 140 mila euro vennero impegnati per la riqualificazione della piazzetta tra via XX Settembre e corso Vittorio Emanuele, un progetto redatto dall’ing. Dell’Utri, mentre i restanti 300 mila euro l’amministrazione Campisi li aveva destinati per la riqualificazione dello slargo di fronte il Palazzo Moncada, dove è previsto l’abbattimento di un vecchio immobile e la realizzazione di una piazzetta.

Insomma per Giarratano quelle somme sono tutt’altro che dimenticate. “Se poi l’amministrazione attuale abbia deciso adesso di impiegarli per piazza Mercato Grazia, è legittimo, ma di certo quelle somme non erano dimenticate”, spiega l’ex assessore.

Per quanto riguarda la piazzetta tra via XX Settembre e corso Vittorio Emanuele, dove oggi si trova un’edicola, Giarratano spiega che si attende lo spostamento della centralina per il monitoraggio dell’aria di proprietà della Provincia.

“La nostra amministrazione si era premurata di procurare un altro finanziamento di 500 mila euro per l’esproprio e l’abbattimento di quell’edificio antistante Palazzo Moncada e con una integrazione a valere sui 300 mila euro del Pisc, sarebbe possibile riqualificare largo Barrile, completando la riqualificazione della “Grande piazza”, sarebbe la chiusura del cerchio. Non si può dire che quel finanziamento lo abbiamo dimenticato perchè si tratta di residui di un finanziamento che abbiamo utilizzato. Il capitolo è lo stesso e i soldi sono gli stessi. Abbiamo fatto scelte diverse, ancora in itinere, visto che per la piazzetta di via XX Settembre il progetto esiste e le somme sono impegnate. La restante parte attiene alle scelte politiche dell’amministrazione”.

Giarratano lancia una stoccata all’assessore Bellomo: “accusare la precedente amministrazione è certamente un errore e lo attribuisco all’entusiasmo che c’è in chi inizia il lavoro come assessore dal primo giorno”.

Commenta su Facebook