I 21 milioni di Agenda Urbana. L’assessore Insisa rassicura: “Strategia già rivista, domani sarà inviata al Dipartimento”

849

E’ vero che le osservazioni contengono valutazioni critiche sul preliminare della strategia urbana sostenibile nell’ambito della programmazione dei fondi Po-Fesr per l’Agenda urbana, ma è anche vero che quelle osservazioni sono state già superate dopo le interlocuzioni avute a Palermo.

Sui fondi di Agenda urbana per 21 milioni di euro riferiti a Caltanissetta e 16 milioni a Enna, arriva a stretto giro la replica dell’assessore allo sviluppo economico del comune di Caltanissetta, Ilaria Insisa.

“Le osservazioni ci sono state inviate a febbraio ed erano osservazioni dovute, in quanto il preliminare di strategia, che abbiamo presentato per tempo ci ha penalizzato nella forma, non tanto nella sostanza, in quanto abbiamo preferito inserire con Enna tutti e sei gli assi di riferimento, per avere maggiori possibilità”, spiega l’assessore.

“Questo ci ha condizionato ma ne abbiamo già parlato a gennaio con il dipartimento programmazione e abbiamo avuto incontri con il dott. Vincenzo Falgares nonché con tutti i responsabili del Formez che si occupano di Agenda Urbana. Adesso, dunque, siamo avanti. Le osservazioni sono state fatte e abbiamo rivisto il preliminare inserendo i dati laddove sono stati lacunosi”, assicura la Insisa, spiegando che “al più tardi domani” il tutto, rivisto sulla base delle osservazioni presentate, sarà nuovamente inviato a Palermo.

Il referente tecnico del progetto è l’ufficio di Enna in quanto la cabina di pilotaggio è stata affidata al sindaco ennese Maurizio di Pietro.

Tra le osservazioni anche la mancata indicazione di partner.

“Siamo ancora in una fase primordiale perché si possa avviare la concertazione con i tavoli partenariali. C’è un indirizzo che stabilisce il partenariato in base agli assi di riferimento. Poiché avevamo inserito tutti gli assi tematici di Agenda urbana non potevamo coinvolgere tutti. L’accordo di partenariato sarà stabilito non appena avremo il resoconto da parte del dipartimento programmazione, per ogni obiettivo tematico”.

Infine l’ufficio europa e la long list per la nomina di un esperto. Sul tema l’assessore Insisa spiega che l’Ufficio Europa, con Agenda urbana, non c’entra nulla.

“Sono due aspetti diversi. Per l’ufficio Europa, stiamo predisponendo un bando di affidamento per una figura che permetta di coordinare tutte le Direzioni dell’ente comune di Caltanissetta e avviare i partenariati internazionali riferiti alla commissione europea. Agenda urbana è un altro aspetto che riguarda il nucleo di programmazione del dipartimento della Regione Sicilia che ha individuato tre macro aree di riferimento. Per quanto attiene alla Sicilia centro meridionale le città coinvolte sono Enna e Caltanissetta insieme e poi Agrigento. Quindi all’interno di questa scrematura fatta dal dipartimento programmazione sono contenute indicazioni guidate dal nucleo di programmazione della Regione Siciliana, per cui con l’ufficio Europa non c’entra molto”.

Commenta su Facebook