Droga: operazione “Elite”, ventidue arresti nel nisseno.

1160

Operazione EliteCALTANISSETTA — Operazione antidroga dei carabinieri del comando provinciale di Caltanissetta per eseguire trenta ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip su richiesta della Dda e della Procura per i minorenni. L’indagine “Elite” ha rigurdato un’associazione criminale che spacciava stupefacenti, soprattutto cocaina, hashish e marijuana, ed era composta da pregiudicati, ma anche da persone donne e da qualche minorenne. Ad uno degli indagati viene contestata anche l’associazione di stampo mafioso.

Questi i nomi delle 22 persone raggiunte dalle misure cautelari nell’ambito dell’operazione antidroga “Elite” dei arabinieri di Caltanissetta: Giovanni Vitello, 48 anni originario di Racalmuto (Agrigenmto), Michele Callari 30 anni, Alessio Biancheri 29, Salvatore Caramazza 24, Rocco D’Asero 20, Gioele Lillo Ferrara 23, tutti di San Cataldo, i palermitani Antonino Fedico 28 anni, Francesco paolo Ferdico 47, Calogero Genova 22, e il catanese Gianmarco Ingaglio, 26 anni. Arresti domiciliari per i sancataldesi Massimiliano Calogero Dell’Aiera 41 anni, Jerri Angelo Giambra 26, Marco Emma 21, Giuseppe Torregrossa 23 e Carmelo Vinciguerra 22 anni. Solo obbligo di firma invece per un 23enne. Sono invece due le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale per i minorenni e tre le misure cautelari di permanenza in casa per altri tre minorenni.

L’indagine prende spunto nel mese di gennaio dell’anno 2009 da una informativa di reato della Tenenza Carabinieri di San Cataldo, nell’ambito della quale, veniva formulata l’ipotesi secondo cui uno dei più noti esponenti della malavita del centro abitato di San Cataldo, VITELLO Giovanni, soggetto già gravato da precedenti specifici, fosse coinvolto nel circuito dello spaccio di sostanze stupefacenti, operando nel territorio con modalità tali da escluderlo da ogni forma di controllo e dunque di censura, posto che egli provvedeva alla vendita di sostanze stupefacenti solamente ad un numero limitato di soggetti, tutti insospettabili ed al di fuori dei circuiti delinquenziali.

Gli elementi indiziari raccolti permettevano di richiedere alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Caltanissetta, numerosi decreti di intercettazioni telefoniche ed ambientali.

Nel prosieguo dell’attività investigativa, avendo constatato l’assidua frequentazione dei soggetti sottoposti ad indagine di un esercizio pubblico ubicato nel centro abitato di San Cataldo (denominato BAR PEPITA ed ubicato in San Cataldo, Corso Vittorio Emanuele nr.101) e ritenendo che all’interno del citato esercizio commerciale potessero realizzarsi colloqui di rilevante interesse investigativo, veniva dato inizio alle operazioni di intercettazione ambientale del citato esercizio pubblico.

Le attività tecniche eseguite all’interno dell’autovettura in uso a VITELLO Giovanni nonché quella relative alle intercettazioni telefoniche, hanno consentito di acclarare l’effettiva partecipazione del VITELLO alla compagine mafiosa e, segnatamente alla famiglia di San Cataldo, nonché la sistematica commissione di delitti afferenti le sostanze stupefacenti e l’illecita detenzione di armi;

VITELLO Giovanni è elemento organico alla famiglia mafiosa di San Cataldo ma, in virtù delle operazioni di polizia giudiziaria susseguitesi nel tempo (che hanno scompaginato negli anni la consorteria criminale), egli ha ritenuto di doversi porre ai margini, rimanendo in una posizione tale da evitargli qualunque forma di controllo da parte dei Carabinieri: ed invero VITELLO Giovanni si preoccupava di evitare di accompagnarsi con soggetti pregiudicati (ben sapendo che assidue frequentazioni in tal senso potevano comportare un interessamento investigativo), di intrattenersi in locali pubblici, conducendo una vita apparentemente normale e tranquilla per poi, di contro, organizzare il traffico di armi clandestine anche per conto di altri appartenenti al sodalizio, piuttosto che spacciare sostanza stupefacente del tipo cocaina a soggetti del tutto insospettabili.

Le intercettazioni consentivano di captare conversazioni del VITELLO in ordine a fatti criminali riguardanti la famiglia mafiosa di San Cataldo, poi riscontrare dalle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia che hanno riferito sulla sua persona e sul ruolo da lui mantenuto.

Le stesse intercettazioni consentivano di accertare in capo al VITELLO e CALLARI, il possesso di armi clandestine che entrambi egli occultavano presso abitazioni nella loro disponibilità. In particolar modo il VITELLO aveva il compito di recapitare alcune di queste armi ad altri esponenti della consorteria. In almeno due casi i Carabinieri registravano attraverso le intercettazioni, le prove di sparo che il VITELLO eseguiva per controllare il corretto funzionamento delle armi in suo possesso, che dovevano anche essere dotate di silenziatore e quindi debitamente modificate.

Parimenti, le attività tecniche condotte all’interno dell’esercizio pubblico monitorato, hanno consentito di accertare e documentare a carico di tutti i soggetti interessati, oltre 100 episodi di cessione/spaccio di sostanze stupefacenti. Lo spaccio avveniva anche immediatamente fuori dal locale.

Nello specifico si trattava di sostanza stupefacente tipo Marijuana, hashish, cocaina, vendute per lo più in piccole dosi ad acquirenti di varie estrazioni sociali (studenti – operai – impiegati).

Le sostanze venivano confezionate in maniera artigianale dagli odierni indagati, che le vendevano al prezzo medio di circa 5 euro per grammo (hashish e marijuana) e di circa 70 – 80 euro a grammo (cocaina).

I nomi in codice utilizzati dagli spacciatori o dagli acquirenti per indicare la sostanza stupefacente e stipulare gli accordi per la compravendita della droga, sono i più disparati, utilizzati per sviare l’attenzione delle Forze dell’Ordine con un linguaggio criptico, realizzato proprio in funzione del fatto che la compravendita avveniva all’interno del locale pubblico; ed infatti gli spacciatori e gli assuntori, per indicare la droga, utilizzavano termini propri di generi alimentari che all’interno del bar si vendevano quali (caramelle – cioccolata – gelato particolare)o, a volt, si riferivano chiaramente alla sostanza oggetto della cessione/spaccio.

Le trattative, per lo più, venivano svolte all’interno del locale dove i vari acquirenti si recavano sicuri di trovare la sostanza stupefacente che desideravano.

Il monitoraggio del BAR PEPITA, grazie ai sistemi di video sorveglianza posti sia all’interno che all’esterno, ha documentato la circostanza che tutti i consumatori di droga realizzavano il consumo direttamente all’interno del bar e, più specificatamente, all’interno del bagno dello stesso, nell’erroneo convincimento che nessuno potesse mai rendersi conto di quanto vi accadeva.

La stessa PUZZANGARA Giusy (che gestiva il locale) e che fa parte del sodalizio criminale unitamente ad AMICO Maicol e GENOVA Calogero, pretendeva dagli acquirenti, che essi realizzassero il consumo delle droghe all’interno del bagno del suo locale per evitare che gli stessi, usciti fuori, potessero essere sottoposti a controlli dai Carabinieri che consentissero di reperire lo stupefacente che avevano appena comprato.

In seno a gruppo criminale, AMICO Maicol ricopriva il ruolo di rifornitore delle sostanze che egli si procurava prevalentemente nel centro abitato di Caltanissetta, mentre GENOVA Calogero, provvedeva allo smercio al minuto unitamente a PUZZANGARA Giusy che aveva provveduto a far diventare il locale pubblico l’esclusivo centro di vendita della droga degli associati.

Il BAR PEPITA, in breve tempo, era diventato un vero e proprio market della droga, presso cui tutti i tossicodipendenti interessati al consumo, reperivano sempre sostanza stupefacente che poi consumavano direttamente sul posto. Nel contesto operativo idierno i Carabinieri hanno posto sotto sequestro il BAR PEPITA.

L’indagine si è conclusa nel mese di novembre 2011, dopo due anni di attività tecniche, pedinamenti ed intercettazioni telefoniche ed ambientali.

Durante l’operazione sono stati impiegati 100 uomini del Comando Provinciale di Caltanissetta, che ha visto impegnati tutti i suoi reparti (Compagnia CC di Caltanissetta – Compagnia CC di Mussomeli – Reparto Territoriale di Gela – Reparto Operativo), 50 autoradio, quattro unità cinofile ed un elicottero.

Contestualmente agli arresti, sono state eseguite numerose perquisizioni a carico sia dei destinatari delle misure che di altri soggetti a cui è stato notificato l’avviso di garanzia (C.M., classe1991, D.G, classe 1991, G.A., classe 1977 e T.L. classe1991).

Commenta su Facebook