“Caltaqua Campus”, vince il disegno di Vittoria Firrone, dieci finalisti premiati

1629

ginevra romano guarino“Iniziative come quelle delle quali stamane stiamo celebrando l’atto conclusivo, sono il chiaro segnale della particolare attenzione che riponiamo nel mondo della scuola e dell’istruzione, e della formazione più in generale. Privilegiare, anche con concorsi come il nostro, sul sapere e, dunque, sulla scuola e sui giovani, sono la migliore forma di “investimento” che possa fare un’azienda attenta al futuro del territorio nel quale opera”.

Lo ha detto stamane il direttore generale di Caltaqua Salvatore Guarino nel corso della cerimonia di consegna dei premi e degli altri riconoscimenti agli studenti vincitori e selezionati nell’ambito della 5^ edizione del concorso internazionale di disegno rivolto a tutti gli alunni che frequentano le quarte classi delle scuole primarie della provincia. L’iniziativa da quest’anno rientra nell’ambito delle azioni programmate per la nuova area “CaltaquaCampus” creata per dare organicità ai diversi interventi che coinvolgono il mondo della scuola, della formazione e dell’università.

La manifestazione si è svolta nella sala conferenze dell’Ufficio Scolastico Provinciale alla presenza del Dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Antonio Gruttadauria, della responsabile comunicazione e marketing di Caltaqua Lea Romano e dei componenti della commissione di valutazione degli elaborati, le docenti dell’Istituto d’arte “Manzoni-Juvara” di Caltanissetta-San Cataldo Rosaria Rio (discipline plastico-scultoree) e Maria Teresa Riggi (discipline grafico-pittoriche) con la dirigente scolastica Giuseppina Mannino, ed il prof. Salvatore Benfante in rappresentanza firrone romano guarinodell’Ufficio scolastico provinciale.

Il tema portante è stato quello della sensibilizzazione delle generazioni future, che adesso siedono sui banchi di scuola delle elementari, sull’importanza dell’acqua quale risorsa per la vita ma che è sempre più scarsa in natura.

La vincitrice assoluta del concorso, che nel giudizio della commissione è stato il lavoro che (come richiedeva il bando) meglio ha integrato il logo di Caltaqua nel contesto complessivo dell’elaborato unendo alla freschezza del tratto una buona dose di creatività ed una considerevole capacità grafica, è stata Vittoria Firrone, dell’Istituto comprensivo “Lombardo Radice” di Caltanissetta. Visibilmente felice per il successo, Vittoria è stata premiata con un tablet MemoPad Asus.

Ma la “Lombardo Radice” non ha solo piazzato al primo posto Vittoria, si è, infatti, anche aggiudicata lo speciale premio per la scuola che ha aderito con il maggior numero di partecipanti. All’Istituto è andato l’assegno del valore di mille euro, tratto sulla speciale “Banca del Sapere – CaltaquaCampus”, somma da destinare interamente ad acquisti di prodotti informatici per la scuola.

Dieci gli studenti finalisti che hanno ricevuto un gioco da tavolo a tema, il “Gioco dell’H2Oca”, l’acquisto dei quali ha consentito di sostenere i progetti del Movimento lotta contro la fame nel mondo onlus per la realizzazione di nuovi pozzi in Tanzania. Si tratta di Davide Mosca (6. Circolo “Don Milani” Caltanissetta); Federica Giarratano (Istituto comprensivo “Carducci” Riesi); Sofia Carlotta Foresta (Istituto comprensivo “San Domenico” Mazzarino); Alessandra Costanzo (2. Circolo “San Giuseppe” San Cataldo); Sofia Butera (Istituto comprensivo Milena-Campofranco di Campofrando); Luigi Elia Petitto (Istituto comprensivo “Lombardo Radice” Caltanissetta); Stefano Bonini (Istituto comprensivo “Verga” Gela); Christian Carbone (2. Circolo “Gori” Niscemi); Arcangelo Pignato (Istituto comprensivo “Principe Grimaldi” Santa Caterina Villarmosa); Pierpaolo Annaloro (Istituto comprensivo “Principe Grimaldi” Santa Caterina Villarmosa).

Commenta su Facebook