Sul bando ponte per la gestione del servizio rifiuti per un anno, prorogabile per altri sei mesi, il sindaco Giovanni Ruvolo difende l’operato della sua amministrazione e rimanda così al mittente la richiesta di dimissioni formulata dai consiglieri d’opposizione Salvatore Petrantoni e Angelo Failla, nei confronti del suo assessore all’ambiente, Vito Margherita.

In particolare Petrantoni e Failla hanno attaccato l’amministrazione all’indomani della bocciatura del ricorso al Consiglio di giustizia amministrativa avverso la sospensiva dell’aggiudicazione della gara in favore di “Senesi Ecoburgus” del servizio, operata in prima istanza cautelare dal Tar. Lo stesso Tribunale amministrativo entrerà proprio domani nel merito e per tale motivo i giudici di secondo grado hanno respinto il ricorso.

“Come amministrazione – afferma il sindaco Ruvolo – a differenza del passato abbiamo voluto interrompere la logica delle proroghe, con delle gare che potessero migliorare il servizio, implementare la raccolta differenziata e fare risparmiare i cittadini nisseni”.

“Questo obiettivo – prosegue il primo cittadino – lo perseguiremo con forza, è importante che sia chiaro. L’amministrazione ha avviato la gara settennale all’Urega e nell’attesa che questa gara si compia abbiamo realizzato un’altra gara ponte per un servizio che avesse una maggiore raccolta differenziata”.

“Abbiamo tentato di sostenere un’offerta che ci faceva risparmiare un milione di euro all’anno, prevedendo al contempo il porta a porta in tutta la città. Adesso aspettiamo la nuova udienza e verificheremo se la gara ponte sarà possibile attivarla. Un nuovo contratto, una garanzia per i lavoratori che tornerebbero ad avere 36 ore settimanali, il miglioramento dei servizi e della differenziata. Questo è l’interesse che promuove il bene comune, e se alcuni consiglieri non sono in linea, ce ne facciamo una ragione, ma l’amministrazione comunale ha il dovere di difendere gli interessi dei cittadini”, conclude Ruvolo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento