Approvati in Consiglio Comunale il bilancio consuntivo 2016 ed il previsionale 2017. In seconda convocazione, dopo che mercoledì era mancato il numero legale, i gruppi di maggioranza giovedì mattina si sono compattati (con qualcuno che è stato fatto rientrare dalle ferie) per approvare i due strumenti finanziari dell’Ente.

IMG_5367Dodici i voti favorevoli, uno contrario (Ricotta) ed un astenuto (Magrì). A favore sia del rendiconto che del previsionale hanno votato i consiglieri Bellavia, Alaimo, Romano, Ambra, Petitto, Giugno, Tesauro, La Rocca, Gruttadauria, Mazza, Scalia e Montagnino. Sono usciti dall’aula i consiglieri di opposizione Alessandro Maira, Calogero Adornetto, Oscar Aiello, Gianluca Bruzzaniti, Valter Dorato, Salvatore Petrantoni e Salvatore Calafato.

“Dopo tanti anni il bilancio viene approvato per tempo consentendo di poter meglio pianificare le attività”, afferma il sindaco Giovanni Ruvolo, in aula insieme alla giunta, i revisori dei conti Andrea Ferrante e Claudio Di Vincenzo. Di parere diverso l’opposizione che tra le altre cose ha rimarcato il poco tempo per “verificare” tutti gli atti del bilancio.

A illustrare lo strumento programmatico in aula è stato l’assessore al Bilancio, Maria Grazia Riggi, la quale ha sottolineato che il comune ha i conti in ordine.

IMG_5369“Caltanissetta è un Comune con i conti in ordine – ribadisce il primo cittadino – e questo consente di guardare al presente con maggiore tranquillità. Mentre molti comuni tagliano i servizi, noi li garantiamo, implementandoli come ad esempio il trasporto pubblico. Come promesso non abbiamo toccato le tassazioni locali”.

Con l’approvazione del bilancio è stato approvato il Dup, documento unico di programmazione e il bilancio partecipato. “Il bilancio – spiega il sindaco – infatti è stato condiviso con le Consulte e con la Città a giugno e votato dalla Giunta nello stesso mese.

Dieci atti di indirizzo approvati dalla maggioranza ed un emendamento bocciato, presentato dal polo civico (e non da Giovanni Magrì dell’opposizione come detto in precedenza, ndr.). Quest’ultimo prevedeva di creare un fondo da settemila euro da mettere a disposizione di Federfarma per il progetto “Farmacie di quartiere”, attualmente sostenuto con le riduzioni dei gettoni di presenza dai consiglieri Giovanni Magrì e Lorenzo La Rocca. Il consigliere del Movimento 5 Stelle era sembrato possibilista a votare il bilancio se l’emendamento fosse stato preso in considerazione. L’emendamento predisposto da La Rocca non è stato poi sostenuto dalla maggioranza.

Gli atti di indirizzo approvati riguardano la creazione di una stazione unica appaltante tra libero consorzio comunale e comune di Caltanissetta, la messa a regime delle scadenze degli affidamenti dei servizi pubblici più importanti come asili nido, verde pubblico, refezione scolastica etc. L’incentivazione di investimenti per il rifacimento delle facciate degli edifici del centro storico da parte di privati e proprietari, la rivitalizzazione con eventi e concerti della Strata a’ foglia, tenuto conto dell’insediamento di nuove attività di street food in quella data. Investimenti nelle attività già avviate con la Real Maestranza e l’istituto penale minorile per avviare giovani detenuti all’artigianato. Valorizzazione delle edicole votive in città, programmare e incentivare l’accoglienza di turisti in collegamento con la borsa del turismo religioso.

Gli atti di indirizzo sono stati presentati dai consiglieri Valeria Alaimo e Rino Bellavia e dai gruppi di maggioranza, elaborati dai partiti di riferimento. Presenti tra il publico in aula, Ermanno Pasqualino coordinatore del Polo Civico, Giuseppe Impaglione segretario dei Centristi per la Sicilia e Ivo Cigna, segretario del Pd, nei banchi della giunta.

“Se la città libera continuerà a fare squadra – afferma il sindaco Ruvolo – possiamo credere che il presente che stiamo strutturando, sarà la base per il futuro del nostro territorio. Grazie a tutti i Consiglieri presenti anche a ridosso di ferragosto per questo atto di responsabilità”.

Un ringraziamento seguito al forte disappunto di Ruvolo nei confronti di chi, tra i consiglieri di maggioranza, ha deciso di dissertare l’aula.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento